Alimenti “free from”: cosa sono e istruzioni per l’uso

-
04/05/2021

Quando pensiamo alla moda, pensiamo immediatamente a vestiti, accessori, trucchi e passerelle. Oggi, però, il concetto di moda si è ampliato di molto estendendo le tendenze agli ambiti più disparati, tra cui quello alimentare.I prodotti dal claim più accattivante, quelli il cui sponsor è il vostro beniamino, e la dieta del momento quella che ha fatto perdere tanti chili all’influencer di turno. Tutto questo però ci fa dimenticare cosa vuol dire davvero dieta.

Moda, Alimentare

In Italia più di 10.000 prodotti hanno un “senza” nell’etichetta: senza zuccheri, senza olio di palma, senza glutine, senza lattosio (e sono solo degli esempi). Se però nei primi due casi si tratta di claim generali per tutti, nel caso del “senza lattosio” e “senza glutine” non è proprio così. Queste indicazioni, infatti, si riferiscono a prodotti formulati appositamente per condizioni patologiche certificate, quali l’intolleranza al lattosio e la celiachia, diagnosticate per mezzo di test eseguiti in laboratorio. Ossessionati dal “free from”, il senza è diventato sinonimo di salutare e dimagrante, seguendo il concetto del “less is more” inteso come eliminare qualcosa per mantenersi in forma e stare in salute. Ma in questo caso l’unico a perdere davvero qualcosa è il portafoglio! 


Leggi anche: Super food: cosa sono, quali sono e a cosa servono

Senza, Glutine

Nel caso del “senza glutine”, in particolare, si tratta di prodotti da un costo molto elevato, con formule ideate per far fronte a una patologia che necessita dell’eliminazione del glutine, la cui esclusione non ha nessuna correlazione scientifica con proprietà dietetiche e salutari in soggetti sani. Nonostante ciò, il consumo di questi prodotti è cresciuto in questi anni, addossando al glutine colpe che non ha.

Dimagrante

Forse molti confondono “senza glutine” con “senza carboidrati”, i macronutrienti più di tutti sono sotto accusa quando vediamo quei chiletti di troppo che vogliamo perdere prima dell’estate. E allora si ricorre alle diete drastiche e, in alcuni casi, all’utilizzo di questi prodotti pensando che siano miracolosi.

C’è da sottolineare, invece, che i prodotti senza glutine hanno un indice glicemico più alto, quindi meno sazianti, hanno meno fibre e sono addizionati in grassi. Alla base di un dimagrimento, deve esserci sempre un deficit calorico, non esistono prodotti miracolosi che ci faranno magicamente dimagrire. 

Dieta, dal greco dìaita, significa regime, tenore di vita: non è moda, ma un adattamento ad uno stile di vita sano ed equilibrato, cucito appositamente su di noi, proprio come un vestito.


Potrebbe interessarti: Biberon: istruzioni per l’uso