Additivi alimentari: cosa sono e come si riconoscono

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi

Quando ci soffermiamo a leggere gli ingredienti del prodotto che stiamo comprando, alla fine dell’elenco troviamo una serie di numeri e lettere che decifrare sembra un vero e proprio rebus. Questi codici corrispondono agli additivi alimentari. Ma quanto ne sappiamo?

Schermata 2021-06-05 alle 12.45.04

Il loro uso non è una pratica moderna, ma ha radici molto lontane: il sale già nell’antica Roma veniva impiegato per la conservazione dei cibi; i coloranti venivano usati dagli Egizi per rendere le pietanze più attraenti.

Grazie all’evoluzione delle tecniche di conservazione e di trasformazione del cibo il loro utilizzo ha trovato una maggiore applicazione nell’industria alimentare per migliorare alcune caratteristiche del prodotto: colore, odore, sapore, aspetto, tempo di conservazione.

Cosa sono gli additivi alimentari?

Schermata 2021-06-05 alle 12.46.26

Secondo la legislazione italiana ed europea per additivo si intende

“qualsiasi sostanza normalmente non consumata come alimento in quanto tale e non utilizzata come ingrediente tipico degli alimenti, indipendentemente dal fatto di avere un valore nutritivo, che aggiunta intenzionalmente ai prodotti alimentari per un fine tecnologico, nelle fasi di produzione, trasformazione, preparazione, trattamento, imballaggio, trasporto o immagazzinamento degli alimenti, si possa ragionevolmente presumere diventi, essa stessa o i suoi derivati, un componente di tali alimenti, direttamente o indirettamente”

Questa definizione ci aiuta a capire come non siano indispensabili per la preparazione di un prodotto e come non apportino alcun valore nutrizionale, ma il loro impiego  ha uno scopo tecnologico, ovvero rendono l’alimento più gustoso e conservabile nel tempo.

La legge italiana impedisce l’uso di additivi in alcuni alimenti: acqua minerale, burro, caffè, latte, miele, olio di oliva, tè in foglie, legumi, frutta fresca, pasta alimentare secca ad eccezione di quella priva di glutine, per l’alimentazione ipoproteica e negli alimenti per lattanti.

Se queste sostanze vengono impiegate nella preparazione di un prodotto, la loro presenza deve essere dichiarata negli ingredienti. Oltre a possedere un nome chimico, gli additivi sono contrassegnati da una lettera E, che indica la conformità in base alle normative imposte dalla Comunità Europea, e da un numero INS (International Numbering System), che definisce il gruppo di appartenenza.

Come riconoscere gli Additivi Alimentari?

Schermata 2021-06-05 alle 12.33.24

In base all’ uso, sono suddivisi in categorie:

I Coloranti (E100-E199) usati per dare uno specifico colore all’alimento o per ripristinare il colore perso in seguito ai trattamenti di preparazione. Possono essere sia di origine naturale (clorofilla, antociani, carotenoidi) o di origine sintetica.

I Conservanti(E200-E299) sono sostanze che rallentano o inibiscono la degradazione dell’alimento in seguito alla contaminazione da batteri, muffe e lieviti. L’anidride solforosa, il solfito di sodio, i bisolfiti e i metabisolfiti di sodio e potassio (E220-E228) sono usati in enologia per la loro capacità antiossidante, chiarificante e inibente lo sviluppo di microrganismi. I nitriti e i nitrati (E249-252) sono invece usati per la preparazione delle carni lavorate, in particolare, negli insaccati.

Gli Antiossidanti(E300-E322) impediscono il processo di irrancidimento dei grassi e il cambiamento di colore dell’alimento. Appartengono a questo gruppo l’acido ascorbico e i suoi derivati (E300-E304) usati nella preparazione di insaccati, di pesci, molluschi e crostacei non lavorati.

I correttori di acidità (E325-E385) che conferiscono un sapore acidulo all’alimento.