Spuntini smart: più sazi più a lungo

Revisione dell’articolo a cura della dottoressa nutrizionista Martina De Renzis

Dopo un’estate di relax e vacanze, con settembre si ritorna alla normalità. Via i costumi e i teli da mare, le scuole riaprono, si torna a lavoro e si riprende in mano l’agenda. Comincia così un nuovo anno, scolastico ça va sans dire. Infatti, oramai settembre is the new gennaio e, come ogni primo giorno dell’anno, si fa la lista dei buoni propositi: iscrizione in palestra o piscina, vita più regolare, si torna a dormire di più e uscire un po’ meno e ci si rimette ai fornelli per un’alimentazione più sana ed equilibrata.

Frutta

E, a tal proposito, sapete che abbinare una porzione di frutta secca a una di frutta fresca prolunga il senso di sazietà? La frutta secca, infatti, è ricca di fibre che riescono a rallentare l’assorbimento degli zuccheri. In particolare, la fibra insolubile della frutta secca assorbe l’acqua della frutta fresca, aumentando la sensazione di sazietà.

In questo modo riusciamo a tenere sotto controllo gli attacchi di fame. Spuntino pratico, veloce e anche smart! Una mela e una manciata di mandorle, un kiwi e qualche noce per esempio, l’importante è ricordare di variare e seguire la stagionalità della frutta.

Spuntini: le linee guida


Leggi anche: Come sentirsi sazi e ridurre il senso di fame

Frutta, Secca

Per quanto riguarda gli spuntini, le linee guida per una sana alimentazione indicano un apporto calorico pari al 5% del fabbisogno giornaliero. Con una piccola merenda al mattino e una al pomeriggio, dovremmo riuscire a non arrivare troppo affamati ai pasti principali. Diversi studi hanno confermato che frazionare l’alimentazione in tre pasti principali e due spuntini, permetta di bilanciare adeguatamente tutti i pasti.

Buoni, Propositi

Ecco quindi un buon proposito da aggiungere alle vostre liste! Siete fuori casa, a lavoro, in giro e non riuscite mai a consumare i vostri spuntini? Mettete in borsa un frutto comodo da mangiare e un barattolino con della frutta a guscio, in modo da evitare di entrare nel vortice delle macchinette di merendine e snack poco nutrienti e sazianti.


Dott.ssa Martina De Renzis
  • Biologa nutrizionista
  • Laurea magistrale in Biologia
Suggerisci una modifica