10 consigli per acquistare il pesce fresco

-
03/01/2021

Il pesce è un alimento indispensabile per la nostra alimentazione perché ci aiuta a mantenerci sani e in forma.

Pesce,Fresco

Possiede un elevato valore nutrizionale per l’alto contenuto in proteine nobili e minerali; fornisce inoltre un basso apporto calorico perché possiede uno scarso contenuto in grassi saturi.

La facile masticazione e l’alta digeribilità rendono il pesce un alimento adatto a tutti, in particolare a bambini e anziani.

Per mantenere questa preziosa caratteristica, è indispensabile fare attenzione al tipo di cottura: è preferibile quella ai ferri, al vapore o in umido.

Guida come scegliere il pesce fresco

Vediamo quali sono le cose da fare per capire se il pesce dei banchi delle pescherie è appena pescato o scongelato e quali sono le cose da non fare quando si sceglie il pesce.


Leggi anche: Come scegliere il pesce

Leggere l’etichetta del pesce

Pescheria

Come per tutti gli alimenti, anche i prodotti ittici devono essere accompagnati da una etichetta.

Le etichette per il pesce devono riportati:

  • il nome del pesce,
  • il luogo di provenienza,
  • il metodo di produzione (se è stato pescato o è di allevamento).

Ma queste informazioni non sono sufficienti per garantire la freschezza del prodotto soprattutto perché nei Paesi dell’Unione europea nessuna normativa obbliga di indicare la data di pesca.

Segreti e consigli per acquistare vero pesce fresco

È necessario prendere altri accorgimenti:

  1. È importante fare acquisti presso una pescheria di fiducia capace anche di darci tutte le informazioni per un corretto acquisto.
  2. Prediligete l’acquisto di pesci presenti nei nostri mari, favorendo così le attività commerciali locali.
  3. Scegliete pesci non troppo grandi di dimensioni: più il pesce è grande, maggiore è la possibilità che in esso si accumulino sostanze tossiche.
  4. L’odore del pesce deve essere quello del mare o delle alghe. Se avete anche un rado sentore di sostanze chimiche come l’ammoniaca: diffidate!
  5. L’occhio deve essere convesso e quindi non ritratto verso l’interno.
  6. Fate attenzione anche al colore dell’occhio: deve essere lucente e non opaco.
  7. La consistenza della carne deve essere compatta ed elastica: per verificarla, provate a premere con un dito il fianco del pesce, se la fossetta che si forma non ritorna indietro, il pesce non è fresco.
  8. Le branchie devono avere un colore che va dal rosato al rosso scuro. Se si presentano di color biancastro, il pesce non va acquistato.
  9. I molluschi bivalvi come le cozze e le vongole devono essere acquistati esclusivamente vivi. Se vedete che alcuni molluschi hanno delle valve leggermente aperte, per verificarne la freschezza, un piccolo stimolo che può essere rappresentato anche da un semplice tocco, deve causarne la chiusura immediatamente.
  10. L’acqua racchiusa tra le valve deve essere trasparente ed avere il classico odore di mare.

Calendario dei tipi di pesce per tutte le stagioni

Pescheria

In pescheria, cercate di ricordare quali sono le specie di stagione, ovvero pesce che non si trova in fase riproduttiva. Questa accortezza permetterà alle altre specie di riprodursi tranquillamente senza così arrecare alcun danno all’equilibrio marino.

In autunno

Ritroviamo la spigola, ma anche la triglia, la gallinella e la lampuga.

In inverno

E’ preferibile consumare la triglia, sardina, ricciola,vongola verace, pagello, sgombro,polpo e seppia.

In primavera

Da prediligere sgombro, gallinella, spigola, sarago, pagello.

In estate

E’ il momento di consumare sogliola, orata, ricciola, spigola, sarago e sardina.

Corretto trasporto e conservazione domestica del pesce


Potrebbe interessarti: Cosa mangiare durante le cure oncologiche: pesce, legumi e spezie

Pesce, Acquisto

Una volta acquistato, è bene che durante il trasporto il pesce venga messo dentro un sacchetto termico, evitando così che il prodotto subisca degli sbalzi termici.

Appena arrivati a casa, è importante che il pesce venga eviscerato, ben sciacquato e asciugato. Potete consumarlo subito oppure, dopo averlo avvolto in carta stagnola, ponetelo nei ripiani più bassi del vostro frigorifero dove potrà essere conservato fino ad un massimo di due giorni.

Se decidete di acquistare del pesce già sviscerato assicuratevi sempre che abbia un aspetto lucido, la carne deve essere sempre compatta e ben aderente alla colonna vertebrale. Se vi sono tracce di sangue, assicuratevi che abbiano un color rosso vivo, porpora. Anche in questo caso, appena arrivati a casa, è buona norma sciacquare il pesce sotto l’acqua corrente e riporlo in frigo asciutto.

Meglio pesce fresco o surgelato?

Se nonostante tutti questi consigli non vi sentite ancora sicuri di esser capaci di fare un corretto acquisto, una valida alternativa è rappresentata dal pesce surgelato la cui filiera di produzione sottoposta ad una rigida regolamentazione, assicura la qualità del prodotto. La surgelazione inoltre permette il mantenimento delle proprietà organolettiche e nutrizionali, salvaguardando anche il gusto.

Quindi è meglio del pesce surgelato che un cattivo pesce fresco che può essere pericoloso per la salute.


Paolo Cesarotti
Nutrizionista
Laureato in Scienze biologiche con indirizzo Bio-Sanitario
Suggerisci una modifica