I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Vista bambini: per i genitori, è ora di aprire gli occhi!

Un’indagine svolta dai pediatri denuncia gli errori di mamme e papà che potrebbero compromettere la salute visiva dei figli. Come valutare quando rivolgersi all’oculista.

Vista bambini: per i genitori, è ora di aprire gli occhi!

Che la vista dei bambini vada protetta, già in tenera età, i genitori italiani pare l’abbiano compreso bene: oltre il 63% si rivolge al pediatra per salvaguardare correttamente la salute visiva dei figli.

Il problema riguarda una serie di comportamenti, ancora troppo frequenti, che denunciano un approccio a dir poco “superficiale” nel trattare i diversi disturbi che spesso colpiscono i piccoli occhi: dal tamponare le secrezioni con acqua e camomilla o acido borico, al curare con il collirio il cosiddetto ‘occhio pigro’ ritenendolo una malattia. Molti, inoltre, portano il bambino alla visita oculistica dopo che ha già imparato a leggere, (solo l’11% sa che va effettuata entro i 3 anni), ignorando che mal di testa o occhi arrossati potrebbero accompagnare un difetto visivo.

La confusione è emersa da un’indagine condotta da Paidòss (Osservatorio Nazionale sulla Salute dell’Infanzia e dell’adolescenza) su 1.000 genitori, e presentata in occasione dell’International Congress on Advances in Pediatrics in corso a New York (fino al 7 dicembre).

Come capire quando rivolgersi all’oculista? Gli esperti di Paidòss e SIMPE (Società Italiana di Medici Pediatri), segnalano comportamenti e situazioni che potrebbero denunciare un problema alla vista, e per questo meritevoli di attenzione:  

  1. Occhi troppo grandi o troppo piccoli, una palpebra abbassata rispetto all’altra, l’iride irregolare nella forma o nel colore, scosse irregolari (nistagmo), un fastidio alla luce, occhi arrossati o che vengono strofinati spesso.
  2. Occhi che non sembrano perfettamente allineati, in asse, oppure un occhio storto (strabismo).
  3. Palpebre strizzate per vedere meglio da lontano (ad esempio quando il piccolo guarda la televisione).
  4. Palpebre e ciglia frequentemente ricoperte di secrezione. 
  5. Familiarità per patologie oculari importati, come ad esempio genitori che hanno sofferto di strabismo o sono affetti da maculopatie. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Occhio al collirio
Occhio al collirio

Può alleviare secchezza e arrossamento, ma attenzione alla presenza di..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Glaucoma, un collirio migliora la cura
Glaucoma, un collirio migliora la cura

Con questo nuovo farmaco niente più crisi allergiche

I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni
I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni

Finché sono piccoli, prevalgono le preoccupazioni. Mamma e papà stanno..

I controlli oculistici per il tuo bambino
I controlli oculistici per il tuo bambino

Per risolvere un difetto visivo può bastare una visita tempestiva

Sei combattiva o fatalista?
Test - Sei combattiva o fatalista?

Sei convinta di poter esercitare un controllo sugli eventi e di poter..

Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?
Test - Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?

Come ti comporteresti se il tuo lui si candidasse per un intervento di..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..