I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Tumore al seno: con la genomica, nel 15% dei casi si può evitare la chemio

Tumore al seno: con la genomica, nel 15% dei casi si può evitare la chemio

Anche il tumore del seno ha il suo DNA: conoscerlo è la chiave per stabilire non solo l’evoluzione della malattia ma soprattutto la migliore cura, la più efficace, quella strettamente necessaria e senza conseguenze quali tossicità e impoverimento della qualità della vita. Nella maggior parte dei tumori la scelta terapeutica è già iscritta nella storia genetica, ma in altri la combinazione di alcune caratteristiche traccia un profilo che lascia di fronte all’incertezza di un trattamento solo ormonale (quello standard sempre somministrato in caso di tumore del seno) o con l’aggiunta anche di chemioterapia. Come scegliere in questi casi limite la terapia ad hoc per la firma del tumore? Con un test innovativo che rivoluziona l’approccio terapeutico alla malattia: si preleva un campione di tessuto malato, nel corso dell’intervento o di una biopsia, e su questo si esegue uno studio ‘genomico’, su 21 geni specifici analizzandone l’interazione, la funzionalità – ovvero il preciso profilo molecolare – che permette di ipotizzare se il tumore è destinato a ripresentarsi a 10 anni dalla diagnosi e, soprattutto, se le chemioterapia è necessaria. Con una risposta a questi aspetti quasi a tempi zero: 10-14 giorni al massimo, purché il test venga eseguito  prima dell’inizio di qualsiasi decisione al trattamento. “Disporre di un test genomico che si affianchi agli altri parametri di tipo anatomo-clinico e biologico – dichiara il prof. Francesco Cognetti, direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena - IFO di Roma – consente di effettuare una indagine sulla natura del tumore molto più raffinata. Il test – precisa il professor Cognetti – è indicato nei casi cosiddetti ‘borderline’, ossia con malattia allo stadio iniziale, nei quali i parametri biologici non consentono di definire con sicurezza quale sia il livello di rischio per una ricaduta né quale sia il trattamento più adeguato. Il test, invece, non è indicato con malattia estesa anche ai linfonodi ascellari: in questo caso la donna deve essere comunque sottoposta a chemioterapia poiché il rischio di sviluppare metastasi è maggiore e la prognosi è più sfavorevole”, sottolinea il professore a cui fa eco Giuseppe Naso, Responsabile della U.O. Oncologia Traslazionale, Breast Unit della ‘Sapienza’ Università di Roma, che avverte “Non tutti i test genomici però sono uguali e hanno la medesima efficacia. La mia esperienza, grazie all’utilizzo del test, mi ha condotto a mutare la scelta terapeutica da un trattamento combinato con chemio e terapia ormonale, in una semplice terapia ormonale nel 45% dei casi”, precisa lo specialista.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno

Il 22 maggio si corre la mini-maratona di solidarietà con le donne che..

Tumore al seno: l’esperienza di Rosanna Banfi e le novità in campo scientifico
Tumore al seno: l’esperienza di Rosanna Banfi e le novità in campo scientifico

La ricerca medica ha messo in campo trattamenti meno invasivi e terapie..

8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro
8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro

Come tutti gli anni torna la campagna di Airc, per rendere il cancro una..

Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro
Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro

Intervista a Marisa Acocella Marchetto, l’illustratrice italoamericana..

Il tuo intestino è un po’ pigro?
Test - Il tuo intestino è un po’ pigro?

Non ne parli per imbarazzo, ma anche perché non sai da che parte..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..