I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Tumore al seno: i 6 vero/falso sulla prevenzione

Dai timori su traumi e misure ai dubbi circa i controlli, il senologo risponde alle domande più diffuse sul cancro alla mammella.

Tumore al seno: i 6 vero/falso sulla prevenzione

Come ogni anno, ottobre si tinge di rosa per sostenere la prevenzione del tumore al seno. Per l’occasione, il prof. Alberto Luini, co-Direttore del Programma Senologia dello IEO (Istituto Europeo Oncologia), nonché autore dell'e-book #senonlosai, risponde ad alcune tra le più frequenti domande sulla salute del seno.

1. MISURE e seno. È vero che… chi ha il seno più grosso ha più probabilità di avere tumori? 

La probabilità di avere tumore al seno non dipende dalla taglia del seno, anche un seno molto piccolo può ammalarsi. Certo un seno più piccolo può essere meglio esplorabile con la palpazione, anche se esistono strutture mammarie complesse (dense e nodulari benigne) che anche in un seno piccolo possono rendere difficile la palpazione.

 

2. AUTOPALPAZIONE e seno. È vero che… non devo fare controlli se dall’autopalpazione non ho sospetti?  E se invece sento un gonfiore all’ascella mi devo preoccupare?

L’autopalpazione NON è un esame di diagnosi precoce: serve per conoscere il proprio seno ma non ha lo stesso valore. I tumori non palpabili vanno scoperti con gli esami, quando ancora non si riescono a individuare con le dita. Ogni alterazione del corpo va considerata con attenzione senza necessariamente pensare a un tumore: la visita dal medico di medicina generale è la procedura migliore in caso di novità palpate a livello del seno o delle ascelle.

 

3. TRAUMA e seno. È vero che… un trauma al seno può causare un tumore? Devo segnalarlo al medico?

La preoccupazione non deve essere legata a ragioni di tumore. Il trauma può avere causato un ematoma, per esempio, e quell’ematoma può provocare gonfiore, nodularità (benigna) o dolore.

 

4. GINECOLOGO e seno. È vero che… se vado dal ginecologo posso non andare dal senologo?

Il ginecologo è il massimo esperto di vagina, utero, ovaie. Il senologo è il massimo esperto di mammelle. La valutazione del seno spetta al senologo, che non valuterebbe mai utero, ovaie e vagina in modo approfondito e specialistico.

 

5. CONTROLLI e seno. È vero che… se faccio la mammo non devo fare l’eco? O è meglio farli entrambi a 30 anni?

Mammografia ed ecografia mammaria sono esami tra loro complementari: una non esclude l’altra, cercano cose diverse e studiano la struttura del seno con metodi differenti. 

La prima ECO è suggerita ai 30 anni, la prima mammo ai 40 anni. Il controllo consigliato è annuale, salvo casi rari e specifici di alto rischio identificati da precise analisi nei centri di eccellenza (in questi casi possono essere prescritti controlli intensivi personalizzati.

 

6. FAMILIARITA' e seno. È vero che… se nessuno in famiglia ha avuto tumori al seno posso ridurre i controlli?

Un controllo annuale è necessario in questi casi. L’assenza di tumori in famiglia non implica l’assenza del rischio personale.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno

Il 22 maggio si corre la mini-maratona di solidarietà con le donne che..

Emofilia: per combatterla, si comincia dall’ecografia
Emofilia: per combatterla, si comincia dall’ecografia

Una malattia congenita ed ereditaria, che impedisce la coagulazione del..

Le 10 regole per tenere sotto controllo la pressione
Le 10 regole per tenere sotto controllo la pressione

Comincia fin da giovane a prevenire l’ipertensione

8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro
8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro

Come tutti gli anni torna la campagna di Airc, per rendere il cancro una..

26 e 27 marzo: prenota una visita andrologica gratuita in Lombardia
26 e 27 marzo: prenota una visita andrologica gratuita in Lombardia

"Basta scuse" riparte la campagna di sensibilizzazione e informazione..