I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Tubercolosi: novità per la gestione in età pediatrica

Il 50% dei bambini di fascia scolare e il 30-35% degli adolescenti è portatore dello pneumococco. Studi recenti aprono nuovi scenari sulla vaccinazione anche nel bambino sano di età superiore ai 5 anni. Seconda causa di morte tra le malattie infettive

Tubercolosi: novità per la gestione in età pediatrica

Il tasso di incidenza della tubercolosi, diffuso dal Ministero della Salute, pone l’Italia tra i Paesi a basso rischio endemico: meno di 10 casi per 100 mila abitanti. Sebbene la buona notizia, la tubercolosi (TB) è ancora oggi, nel mondo, la seconda causa di morte tra le malattie infettive dopo l’HIV e, secondo l’OMS, ogni anno colpisce 530 mila bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni di età.

 “L’attuale situazione epidemiologica della TB nel nostro Paese – afferma la Prof.ssa Susanna Esposito, Direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura, Fondazione IRCCS Cà Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano; Presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica, SITIP e Presidente di WAidid World Association for Infectious Diseases and Immunological Disorders – sebbene evidenzi una bassa incidenza nella popolazione generale, è caratterizzata dalla concentrazione della maggior parte dei casi in alcuni gruppi a rischio e in alcune classi di età e dall’emergere di ceppi tubercolari multi resistenti (MDR). Capire le modalità e i percorsi di trasmissione dei ceppi di Mycobacterium tuberculosis, che causano focolai epidemici, e diagnosticare precocemente l’infezione quando è ancora latente è cruciale per poter mettere in atto strategie di controllo efficaci”.

 

TB in età pediatrica

La TB in età pediatrica va sospettata in presenza di alcuni sintomi e segni di coinvolgimento polmonare: tosse persistente o tosse di durata maggiore di 4 settimane o dolore toracico persistente; tosse o altri sintomi respiratori associati a calo ponderale, astenia o malessere generale e febbricola di lunga durata; forme di polmonite atipiche, scarsamente responsive a terapie di prima linea o con carattere recidivante, soprattutto in soggetti a rischio; quadri radiologici di polmonite con segni tipici di TB.

Le nuove Linee guida per la prevenzione, diagnosi e terapia della TB in età pediatrica, sono state discusse durante il 33° Congresso di Antibioticoterapia, dove si è parlato pure di vaccinazione pneumococcica (PCV13) che oggi, sulla base di nuove evidenze scientifiche, è fortemente raccomandata anche nei bambini di età superiore a 5 anni, se affetti da patologie a rischio. “È stato infatti dimostrato – precisa Susanna Esposito – attraverso valutazioni eseguite con metodiche di biologia molecolare che almeno il 50% dei bambini della scuola dell’obbligo e il 30-35% degli adolescenti, pur vaccinato nel primo anno di vita, è portatore di alcuni sierotipi di pneumococco contenuti nei vaccini che avevano ricevuto. Ciò induce a riaprire il problema della possibilità di diffusione di pneumococchi da parte del bambino in età scolare e dell’adolescente anche senza fattori di rischio e, di conseguenza, dell’utilità di richiami di PCV13 anche al di là dei 5 anni”.

Nei soggetti di età maggiore di 5 anni con patologie di base favorenti le infezioni pneumococciche, l’indicazione all’uso di PCV13 è, invece, fortemente raccomandata considerando che la gran parte di questi soggetti è effettivamente a rischio più elevato del normale di malattie pneumococciche.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture
Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture

L’Agenzia europea dei medicinali ha deciso una revisione dei farmaci..

Una vacanza “sana”
Una vacanza “sana”

Guida alle vaccinazioni da fare prima di partire per mete esotiche

Come si identifica la gastrite da infezione
Come si identifica la gastrite da infezione

Dolori e bruciori di stomaco: non sempre sono sintomi di infiammazione..