I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Il ticket non è una novità: c'è dal 2007

Da anni è prevista la possibilità di tassare assistenza specialistica e ambulatoriale. Ecco la situazione attuale, con tutte le differenze fra le Regioni

Il ticket non è una novità: c'è dal 2007

(di Raniero Nanni) (ANSA) - ROMA, 29 GIU - L'introduzione di ticket per l'assistenza ambulatoriale e specialistica e per i codici bianchi al pronto soccorso, che dovrebbero scattare dal 2012, secondo la bozza della Manovra, non rappresentano una novità per l'Italia. Nel 2007 la Finanziaria del governo Prodi aveva infatti previsto che ogni anno dovesse scattare un ritocco al rialzo dei costi legati alla specialistica: ad oggi, peroò, si è sempre trovata una copertura finanziaria. Sui ticket sul pronto soccorso, invece, si è intervenuti ben prima: le Regioni, in quest'ambito, hanno sempre proceduto a 'macchia di leopardo', e si può parlare di una 'giungla' dei ticket con situazioni estremamente differenziate. Ecco il quadro: ASSISTENZA AMBULATORIALE - Il ticket sull'assistenza specialistica ambulatoriale che scatterà dal 2012 (10 euro in più per ogni prestazione) stava per essere introdotto già nel 2007, con la Finanziaria del governo Prodi. Fu poi annullato dal Senato in sede di conversione del decreto, 'costando' circa 511 milioni di euro per la cui copertura furono utilizzati 100 milioni del fondo dei debiti pregressi e 411 milioni del fondo di rotazione per le politiche comunitarie. Il ticket sulla specialistica, in realtà, è una norma, prevista appunto dalla Finanziaria 2007, che scatta ogni primo gennaio in assenza di risorse alternative. La copertura fu trovata anche nel 2008, 2009 e 2010 ed anche quest'anno. La compartecipazione alla spesa per le visite specialistiche, secondo l'ultimo rapporto realizzato dall'Agenas (l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), è prevista da tutte le regioni, con un importo massimo del ticket per ricetta fissato a livello nazionale a 36,15 euro. Importo modificato dalla Calabria (45 euro), dalla Sardegna (46 euro) e dalla Campania, in cui è previsto il pagamento di un ulteriore quota fissa pari a 10 euro. In regioni come Lazio e Molise, poi, sono previste ulteriori quote in base a specifiche prestazioni. Per determinate fasce di popolazione, di patologie e reddito e' prevista l'esenzione. PRONTO SOCCORSO - Diversa, e ancora più complicata, la 'storia' del ticket - pari a 25 euro - per le visite in pronto soccorso in codice bianco, che scatterà sempre dal 2012. Anche questa misura era prevista dalla Finanziaria 2007, peraltro prima della Manovra 2007, 12 regioni applicavano già il ticket. Di fatto il ticket non è mai stato revocato, e "per questo la sua introduzione nella manovra - spiega Francesca Moccia, coordinatrice del Tribunale dei diritti del malato - non rappresenta nulla di nuovo". Ad oggi, secondo i dati diffusi da Agenas, solo la Basilicata non lo applica, mentre la Campania lo ha raddoppiato rispetto a un anno fa. Tra le regioni, in particolare, c'è chi applica solo la quota fissa, c'è chi fa pagare anche altre prestazioni (diagnostiche di laboratorio, strumentali o altre terapie) e chi mette il ticket anche sui codici verdi. Nel dettaglio alcune Regioni (Piemonte, Val d'Aosta, Lombardia, Provincia Autonoma di Trento, Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio, Molise, Sicilia e Sardegna) hanno previsto solo l'applicazione della quota fissa nazionale, 25 euro per l'appunto, mentre nella Provincia autonoma di Bolzano e in Campania la quota fissa è il doppio: 50 euro. In Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma Bolzano, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Puglia, Calabria, oltre al pagamento della quota fissa, il cittadino compartecipa alla spesa anche per eventuali prestazioni diagnostiche di laboratorio, strumentali o altre terapie erogate in concomitanza con la visita al Pronto Soccorso. (ANSA).

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Glaucoma, un collirio migliora la cura

Con questo nuovo farmaco niente più crisi allergiche

Un nuovo principio attivo che cura l’angioedema

È un farmaco salvavita che consente un intervento rapido in caso di crisi

Check-up in farmacia

Non solo medicinali. Da ora nelle farmacie si possono fare test..

Incontinenza urinaria, ne soffrono 2 milioni di italiane

È un disagio diffuso che compromette seriamente la qualità della vita..