I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Vitamina K per conservare un’ossatura forte

Secondo un recente studio, la vitamina K, contiene una particolare proteina essenziale perché il calcio si fissi nel tessuto osseo

Vitamina K per conservare un’ossatura forte

Per conservare un’ossatura forte nella terza età anche la vitamina K svolge un ruolo molto importante. Secondo uno studio condotto dai ricercatori  del Dipartimento di Nutrizione Umana presso l’Universitat Rovira i Virgili di Reus (Catalogna) c’è una relazione diretta tra un'elevata presenza di Vitamina K nella dieta e le variazioni in positivo nella composizione e nella struttura interna dell'osso, misurate mediante ultrasonografia al calcagno.

Questi dati, dunque,  fanno pensare che l'apporto di Vitamina K svolga realmente un ruolo chiave nello stato di salute e nelle caratteristiche “qualitative” delle ossa.

La spiegazione dei benefici potenziali della vitamina K per la salute delle ossa risiede nella sintesi dell'osteocalcina, una proteina essenziale perché il calcio si fissi nel tessuto osseo. L'attivazione della osteocalcina, infatti, dipende dalla presenza della vitamina K, senza la quale la proteina resta inefficace.

La Vitamina K è disponibile soprattutto sotto due forme:

-         nelle verdure a foglia verde quali spinaci, broccoli e lattuga, che rappresentano la fonte di circa il 90% della Vitamina K assunta in una dieta occidentale tipo;

-         nei prodotti per sintesi dalla microflora batterica dell'intestino, ma anche nelle carni animali (fegato di manzo e maiale, pancetta) e in alimenti fermentati quali formaggi, latticini e il latte giapponese.

Lo studio spagnolo è stato eseguito su 200 anziani con un'età media di 67 anni che avevano compilato un questionario dettagliato sulla frequenza di consumo degli alimenti e che sono stati oggetto di monitoraggio per un biennio.

L’équipe spagnola ha utilizzato varie tecniche diagnostiche, tra cui la densità ossea (BMD), per misurare lo stato di salute delle ossa nel campione esaminato, ricorrendo all’ultrasonografia al calcagno su 125 soggetti.

I ricercatori hanno constatato che a ogni aumento di 100 microgrammi nei livelli di assunzione di Vitamina K corrispondeva un incremento di 0,008 g/m2 nella densità ossea. Inoltre, all’aumento della Vitamina K nella dieta era correlata una riduzione della perdita di densità ossea e un rallentamento nei fenomeni di microporosità ed elasticità dell’osso legati all’invecchiamento, confermando così l’azione protettiva attribuita alla Vitamina K nei confronti del rischio di fratture osteoporotiche. 

di Lavinia Rossi

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Fino a giugno, puoi fare l'esame delle ossa in farmacia
Fino a giugno, puoi fare l'esame delle ossa in farmacia

In prima linea contro l’osteoporosi con un dispositivo a ultrasuoni..

Fai il pieno di vitamina D, indispensabile per la salute delle ossa
Fai il pieno di vitamina D, indispensabile per la salute delle ossa

Stare all’aria aperta ed esporsi alla luce permette all’organismo di..

Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture
Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture

L’Agenzia europea dei medicinali ha deciso una revisione dei farmaci..

Alimentazione e salute: come migliorare la qualità della vita
Alimentazione e salute: come migliorare la qualità della vita

Dai consigli per imparare a farsi un orto sul balcone alle ricette per..

Sei a rischio osteoporosi?
Test - Sei a rischio osteoporosi?

Dal recente congresso mondale sull’osteoporosi è emerso che le donne..

Che stile di vita sei
Test - Che stile di vita sei

Lo stile di vita rappresenta l'espressione di noi stessi nel mondo che ci..