I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Telethon. Ritardo mentale e ciclo sonno strettamente correlati

Capacità cognitive influenzate dai ritmi circadiani, ovvero dalla scansione delle lancette di una sorta di orologio molecolare interno all'organismo

Telethon. Ritardo mentale e ciclo sonno strettamente correlati

Una ricerca condotta cavie di laboratorio con una forma genetica di ritardo mentale, ha rivelato che i deficit di apprendimento e memoria sono correlati con l'alterazione dei ritmi del sonno e della veglia. La scoperta è stata compiuta dalla prof.ssa Maria Passafaro, ricercatrice dell'Istituto Telethon Dulbecco, ''Le nostre capacità cognitive sono influenzate dai ritmi circadiani, ovvero dalla scansione delle lancette di una sorta di orologio molecolare interno all'organismo'' ha spiegato Passafaro. Il ritmo viene regolato da lancette rappresentate da particolari geni, la cui attività oscilla nell'arco delle 24 ore, definendo così l'alternanza di sonno e veglia nel corso dell’intera giornata. ''Abbiamo dimostrato per la prima volta che esiste una correlazione tra una forma genetica di ritardo mentale legato al cromosoma X e il rallentamento del ritmo delle oscillazioni dei 'geni orologio'''. Il team di Telethon, in collaborazione con Carlo Sala dell'Istituto di Neuroscienze del Cnr e Pierre Billuart dell'Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica di Parigi, hanno topi geneticamente modificati in cui il gene OPHN1 (coinvolto nella comunicazione tra le cellule nervose alla base della malattia) è reso inattivo. Si è potuto quindi appurare che gli animali avevano dei disturbi nell'alternanza del sonno e della veglia. ''Per la prima volta abbiamo dimostrato che una proteina deputata alla formazione delle sinapsi regola geni 'orologio'. In particolare, questo fenomeno è visibile nella regione del cervello - l'ippocampo - deputata all'apprendimento e alla memoria'' ha concluso la ricercatrice. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul magazine scientifico Nature Neuroscience.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Presentato il VII rapporto sull’obesità in Italia
Presentato il VII rapporto sull’obesità in Italia

La relazione tra obesità e genetica è il tema privilegiato nella..

 Il 28 e 29 maggio sostieni la ricerca sulle malattie genetiche con una passeggiata
Il 28 e 29 maggio sostieni la ricerca sulle malattie genetiche con una passeggiata

Sabato e domenica c’è “Walk of life”, una camminata nei parchi..

Prima colazione: un appuntamento immancabile
Prima colazione: un appuntamento immancabile

Il primo pasto influenza le prestazioni fisiche e cognitive, soprattutto..

Imparare a parlare: un'avventura meravigliosa!
Imparare a parlare: un'avventura meravigliosa!

Accompagna il tuo bambino nella lunga e difficile conquista del linguaggio