I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Neuroni generati in laboratorio contro il Parkinson

Una nuova tecnica studiata dal San Raffaele di Milano per rimpiazzare i neuroni persi a causa della malattia

Neuroni generati in laboratorio contro il Parkinson

Grazie a una nuova tecnica di laboratorio è possibile generare i neuroni dopaminergici persi nella malattia di Parkinson. Lo spiega uno studio dell'Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano, pubblicato sulla rivista Nature. Il procedimento sfrutta la conversione diretta dei fibroblasti, cellule della pelle, in neuroni dopaminergici indotti ('iDA'). Prima di questa scoperta, i tessuti fetali erano la sola fonte di neuroni possibile, ma la loro efficacia terapeutica è limitata dalla scarsa dasiponibilità e dall'estrema eterogeneità, e il loro utilizzo ha creato forti dubbi di ordine etico. I neuroni iDA invece, ha spiegato Vania Broccoli, coordinatore dello studio ''possono essere generati dal paziente stesso, in maniera riproducibile, in un tempo relativamente breve e senza nessun rischio di tumori. Comunque solo i prossimi studi in via di progettazione direttamente in modelli animali della malattia di Parkinson accerteranno se i neuroni iDA possano diventare una fonte adatta per questo tipo di utilizzo in clinica''. I neuroni hanno capacità funzionali simili a quelle dei neuroni del cervello e rilasciano dopamina. La nuova tecnica è un passvo avanti rispetto alla tecnologia di riprogrammazione genetica proposta dal prof. S. Yamanaka di Kyoto per la generazione di cellule staminali riprogrammate (iPS), ma, a differenza di quest'ultima, non implica la generazione di cellule staminali, potenzialmente tumorali.

I malati di Parkinson sono circa 200.000 persone in Italia. All'inizio, la malattia provoca disturbi motori causati dalla degenerazione dei neuroni dopaminergici e dalla perdita della dopamina, il neurotrasmettitore da loro prodotto. Il trapianto di nuovi neuroni in sostituzione di quelli perduti è possibile, se esiste una sorgente di neuroni omologhi adatta al trapianto.

PARLIAMO DI: Parkinson, neuroni, San Raffaele,

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Alzheimer: quali sono le cause e i farmaci per contrastarla
Alzheimer: quali sono le cause e i farmaci per contrastarla

Colpisce la memoria e le capacità di ragionare, pensare e parlare. Non..

I mirtilli ''svegliano'' il cervello
I mirtilli ''svegliano'' il cervello

Arriva l'estate, fate scorta di mirtilli. Proteggono vene, occhi, cuore,..

Una risata vi guarirà
Una risata vi guarirà

Ridere per mantenersi in salute: non costa nulla e non ha controindicazioni