I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Lampade abbronzanti aumentano del 75% il rischio di contrarre melanomi cutanei

“Sole e predisposizione genetica agevolano le mutazioni delle cellule”, dice il prof. Paolo Ascierto, che parla dell’immunoterapia come arma per sconfiggere il cancro

Lampade abbronzanti aumentano del 75% il rischio di contrarre melanomi cutanei

Fanno male. Anzi, fanno molto di più. Le lampade abbronzanti vanno totalmente bandite. "Se utilizzate poi prima dei 30 anni, secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), aumentano il rischio di melanoma del 75%, al pari del fumo di sigaretta", dice il professor Paolo Ascierto dell’Unità di Oncologia Medica e Terapie Innovative del 'Pascale' di Napoli. Ripetuti eccessi di esposizione ai raggi solari durante l’infanzia poi triplicano il rischio di sviluppare il melanoma da adulti. I piccoli vanno difesi dal sole con adeguate protezioni, evitando sempre le ore centrali della giornata, soprattutto con l’arrivo della bella stagione. Ogni anno nel nostro Paese si registrano circa 7000 nuovi casi e 1500 decessi. Oggi si stanno affacciando nuove armi realmente efficaci, come l’immunoterapia che agisce stimolando le difese immunitarie contro le cellule tumorali con importante beneficio per i malati.
Secondo il prof. Carmine Pinto, segretario nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) troppe persone si espongono al sole senza precauzioni, in particolare i bambini rappresentano l’‘anello debole’ della catena. Un richiamo da tenere in considerazione soprattutto in questi mesi, in cui molti approfittano del fine settimana per prendere un po’ di 'colore'.
"L’incidenza del melanoma nel mondo è molto variabile - sottolinea la dottoressa Vanna Chiarion Sileni, Responsabile Oncologia medica 2 Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.), Padova. Massima in Australia, seguita dalle popolazioni nordeuropee e nordamericane, minima nelle popolazioni asiatiche e di razza nera. Anche in Italia l'incidenza è maggiore al Nord con punte massime nel Nordovest e Nordest e punte minime al Sud". "La genesi del melanoma è correlata, nel 50-60% dei casi, a esposizioni acute e intermittenti ai raggi ultravioletti - aggiunge il dottor Mario Mandalà, U.S.C. Oncologia Medica A.O. Ospedali Riuniti, Bergamo. È dunque consigliata in ogni caso la fotoprotezione, ma è importante ricordare che il sole non va demonizzato: quando viene preso in maniera intelligente, evitando le ore più calde e senza provocare le scottature, porta a una maggiore produzione della vitamina D, che sembra essere un fattore protettivo".

 

di Roberta Maresci

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
È iniziata la campagna per la prevenzione del melanoma: prenota la tua visita
È iniziata la campagna per la prevenzione del melanoma: prenota la tua visita

Per tutto il mese di aprile puoi fare gratuitamente lo screening dei nei..

Controlli e visite gratuite per gli over 50 nei mercati rionali del Lazio
Controlli e visite gratuite per gli over 50 nei mercati rionali del Lazio

Una campagna di prevenzione e promozione della salute realizzata dalla..

Hai l’acne? Attenta al sole
Hai l’acne? Attenta al sole

In caso di brufoli & Co. bisogna esporsi con cautela e adottando..

I disturbi della stagione estiva
I disturbi della stagione estiva

Gambe pesanti, giramenti di testa, cistiti, raffreddori e molti altri ci..