I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Individuati i geni della golosità, quelli che fanno ingerire troppe ‘schifezze’

La presenza di mutazioni a carico di FTO e BDNF nel Dna di un individuo si associa con l'abitudine a mangiare più volte al giorno, a prediligere cibi grassi, dolci e snack

Individuati i geni della golosità, quelli che fanno ingerire troppe ‘schifezze’

Un team di ricercatori  guidato da Jeanne McCaffery del 'Miriam Hospital's Weight Control and Diabetes Research Center', è riuscito a individuare due geni collegati al maggiore rischio obesità e che influenzano, in negativo, le preferenze a tavola verso cibi che fanno ingrassare. I geni in questione sono FTO e BDNF, già balzati agli onori della cronaca per il fatto che alcuni difetti a loro carico (mutazioni) sono risultati legati a maggior rischio individuale di essere obesi. Basti pensare che uno studio su decine di migliaia di individui aveva mostrato che una copia mutata di FTO aumenta il rischio obesità del 30%, due copie quasi raddoppiano il rischio (+70%). Non era chiaro, però, come le mutazioni minacciano la silhouette, anche se in un lavoro su bambini era emerso un legame tra FTO e golosità. Generalmente chi manifesta tali mutazioni mangia in media 100 calorie in più al giorno.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento