I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Dammi almeno 5 minuti….per svegliarmi

Il cervello è pigro al risveglio, gli servono in media cinque minuti per mettersi in moto. Eccone spiegato il perché

Dammi almeno 5 minuti….per svegliarmi

In pratica, lo sapevamo già svegliandoci ogni mattina senza riuscire a emettere frasi compiute (ma anche dopo ogni pisolino). In teoria, la conferma arriva da un recente studio italiano del Dipartimento di Psicologia della Sapienza e dell’Associazione Fatebenefratelli per la Ricerca (AFaR) in collaborazione con studiosi dell’Università dell’Aquila e Bologna, pubblicato su Neuroscience. Durante il riposo il cervello diminuisce la sua attività elettrica ed entra nello stato chiamato di “inerzia del sonno”. I ricercatori hanno spiegato che è come se le diverse parti del cervello si addormentassero e si svegliassero in tempi diversi, per cui, quella posteriore ci metterebbe di più a carburare, ben cinque minuti. Ecco perché si fa fatica a “connettere” appena svegli. Ed è inutile utilizzare rimedi strong con l’obiettivo di alzarsi ed essere immediatamente attivi come mettere la sveglia a volume elevato o con un suono d’impatto (il famoso “drin, drin”), perchè l’organismo si mette in uno stato di allarme e secerne adrenalina, che provoca ipertensione e tachicardia e alla lunga fa male al cuore. Lo rivela un altro studio giapponese dei ricercatori del National Institute of Industrial Health, che hanno testato un gruppo di 100 volontari tra i 25 e i 60 anni verificando che quelli che venivano tirati giù dal letto dal fatidico trillo presentavano valori più alti di pressione sanguigna e battiti cardiaci più accelerati rispetto al gruppo che si era svegliato in modo naturale. Inoltre, una sveglia di questo tipo ha lo stesso effetto di una sbornia che, per lo più, dura solo 10 minuti, ma per alcuni arriva fino a due ore. Neppure in questo modo si ottiene, quindi, un risveglio più veloce, anzi, ha l’effetto contrario.


Cosa fare? Il consiglio degli esperti è così semplice da sembrare quasi banale. Aspettare quei fatidici cinque minuti prima di alzarsi dal letto, senza dedicarsi immediatamente ad attività impegnative. E per la sveglia? Utilizzare suonerie soft o la musica della radio abolendo assolutamente il trillo. Il tutto a un volume piuttosto basso, tale da sentirlo, ma senza “traumi”. E se serve essere immediatamente operativi? La scoperta italiana effettivamente presenta prospettive potenzialmente applicative per tutte quelle professioni che richiedono una rapida operatività, dai vigili del fuoco agli operatori di pronto soccorso fino ai militari. Secondo il coordinatore della ricerca Luigi De Gennaro, infatti, si potrebbe immaginare un sistema di sensori elettroencefalografici (EEG) che determini nelle singole regioni cerebrali il livello critico per garantire adeguate prestazioni. Le attuali tecnologie consentono ormai di miniaturizzare i tradizionali EEG, garantendo una scarsa intrusività di questi strumenti, così da renderli compatibili con lo svolgimento delle singole attività professionali.

di Livia Zacchetti

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
La dieta ideale per conciliare il sonno? Ognuno ha la propria
La dieta ideale per conciliare il sonno? Ognuno ha la propria

Gli effetti degli alimenti variano da persona a persona, anche in base..

Chiacchiera con un amico per mettere in moto il tuo cervello
Chiacchiera con un amico per mettere in moto il tuo cervello

10 minuti di conversazione aumenterebbero le prestazioni mentali

I mirtilli ''svegliano'' il cervello
I mirtilli ''svegliano'' il cervello

Arriva l'estate, fate scorta di mirtilli. Proteggono vene, occhi, cuore,..

Di che insonnia soffri?
Test - Di che insonnia soffri?

L’insonnia è un disturbo assai diffuso: riguarda 12 milioni di..