I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Leishmaniosi: una mappa per individuarne i focolai

La Scalibor Map in soccorso dei vacanzieri con cane al seguito

No pagePagina successiva
Leishmaniosi: una mappa per individuarne i focolai

Per i cani che si apprestano a raggiungere i luoghi di vacanza insieme ai loro padroni c’è il rischio di leishmaniosi. Fortunatamente, quest’anno è possibile individuare le zone a rischio di infezione e adottare strategie di protezione. Questo grazie alla Scalibor Map, una mappa realizzata grazie ai risultati emersi da una ricerca che ha tenuto sotto controllo e aggiornato l’espansione del fenomeno in tutta Italia. Disponibile in formato cartaceo o come applicazione per telefonia mobile, consente di individuare la presenza dei focolai di infezione di questa seria malattia trasmessa al cane dalla puntura di un insetto, il flebotomo o pappatacio.

 

Di che cosa si tratta

Con questa mappa, il proprietario di un cane può avere sempre con sé e in qualsiasi luogo uno strumento in grado di fornirgli in tempo reale informazioni importanti sui rischi dell’infezione cui il suo animale potrebbe andare incontro spostandosi nelle varie regioni.

La Scalibor®Map app consente anche di sfruttare il posizionamento GPS del telefono, per verificare se ci si trovi in un’area dove ci sono segnalazioni d’infezione e fornisce l’elenco dei negozi dove poter acquistare prodotti per la protezione del cane.

La conoscenza del rischio d'infezione consente di adottare adeguate misure di prevenzione: il sistema più efficace è di evitare il contatto con il pappatacio, causa della trasmissione dell’infezione con l’uso di sostanze che impediscono al vettore di alimentarsi con il sangue del cane e di trasmettere il parassita.

E per sostenere la prevenzione di questa malattia, Intervet/Schering Plough Animal Health, una multinazionale farmaceutica, ha destinato all’Associazione Animalieanimali.it-Onlus 6.000 collari da utilizzare per ridurre il rischio d’infezione nei cani ospitati presso i canili/rifugio più bisognosi del sud Italia.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Prurito: il contagio è visivo
Prurito: il contagio è visivo

Basterebbe guardare qualcuno intento a grattarsi per avvertire la stessa..

Cani, gatti &C. Le regole per una serena convivenza
Cani, gatti &C. Le regole per una serena convivenza

Gli animali, ancor più se esotici, possono nascondere insidie per la..

Pidocchi, strategie per evitare il contagio
Pidocchi, strategie per evitare il contagio

Aggressivi e recidivi sono spesso ospiti sgraditi delle classi scolastiche

L’importanza della prevenzione dentale
L’importanza della prevenzione dentale

Poche e semplici regole di igiene possono ridurre l’incidenza della..