I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Influenza A: dobbiamo preoccuparci?

Nessun allarme, ma è importante la vaccinazione per le categorie a rischio e per tutti l’osservanza delle norme igieniche per la prevenzione

Influenza A: dobbiamo preoccuparci?

Ci siamo: l’ondata dell’influenza è arrivata anche da noi, e sta già facendo danni. Il timore è che si verifichi quanto è già accaduto in Gran Bretagna dove ci sono stati una quarantina di decessi. “È in un certo senso la “coda” dell’influenza dello scorso anno,” spiega il professor Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli studi di Milano. “Dei tre virus di quest’anno infatti, uno è proprio l’H1N1. La sua azione però è mitigata dagli altri due ceppi che sono presenti quest’anno, entrambi di origine australiana. Certo, dei tre, l’H1N1 rimane il più aggressivo, ma non c’è emergenza.” Gli esperti hanno anche confermato che rispetto all’anno scorso, il virus H1N1 non si è modificato più di tanto. Questo significa che sono sempre valide le indicazioni per quanto riguarda i soggetti a rischio. È più esposta la fascia di età che va dai neonati ai giovani fino ai 25-30 anni e chi ha l’organismo indebolito a causa della presenza di un’altra malattia. Il picco dovrebbe esserci proprio in questo periodo, tra gennaio e metà febbraio. Chi vuole seguire l’andamento della malattia, può collegarsi al sito www.iss.it/iflu. È il caso allora di vaccinarsi?

“Quest’anno la vaccinazione è stata effettuata da un numero decisamente minore di persone rispetto allo scorso anno” interviene il professor Pregliasco“. Ma chi vuole, dopo aver sentito il parere del medico, fa ancora in tempo a sottoporsi al vaccino; ovviamente, tenendo presente che sono necessari una decina di giorni prima che l’organismo sviluppi gli anticorpi. Chi invece preferisce non vaccinarsi, deve seguire strettamente le regole di igiene.” È infatti un dovere di tutti seguire le classiche norme di prevenzione, vale a dire lavarsi le mani, frequentare il meno possibile luoghi affollati e soffiarsi il naso in fazzoletti di carta usa e getta. 

di Cinzia Testa

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Scarsa l’adesione alla campagna di vaccinazione contro il Papilloma Virus

Ancora poche adolescenti si sottopongono al vaccino per prevenire la..

Una vacanza “sana”

Guida alle vaccinazioni da fare prima di partire per mete esotiche

Il vaccino contro la varicella

Può evitare a grandi e piccoli i fastidi arrecati dall’herpes zoster

È frutto della ricerca italiana il primo vaccino contro la meningite

Per gli adolescenti, la categoria più a rischio, adesso c’è una nuova..

Le vaccinazioni, perché è importante farle

Proteggono non soltanto il bambino di oggi, ma anche l’adulto di domani