I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Per ridurre le liste d'attesa, neurochirurghi in trasferta

Gli specialisti dell'Istituto Besta di Milano opereranno anche al Fatebenefratelli di Erba, per soddisfare le numerose richieste

Per ridurre le liste d'attesa, neurochirurghi in trasferta

I neurochirurghi dell'Istituto Besta di Milano andranno a operare 'in trasferta' anche all'ospedale Fatebenefratelli di Erba, per ridurre le liste d'attesa dei pazienti affetti da malattie neurodegenerative spinali. ''Dal maggio 2009 al maggio 2010 - ha spiegato Carlo Borsani, presidente del Besta - oltre 500 di questi pazienti, per il 40% provenienti da altre Regioni, si sono rivolti a noi per essere sottoposti a un intervento chirurgico. Ma non abbiamo potuto dare immediata risposta, a causa dei nostri vincoli strutturali che si sommano alla scelta strategica di privilegiare gli interventi chirurgici per malattie che comportano rischi di vita per il paziente''. In base all'accordo, il Besta manderà i propri chirurghi 'in trasferta', mentre il Fatebenefratelli metterà a disposizione sette posti letto dedicati, una sala operatoria per tre giorni alla settimana dalle 14 alle 19, con servizio infermieristico di sala operatoria, servizio di anestesia e rianimazione nonché servizio di sterilizzazione degli strumenti chirurgici, a cui può aggiungersi una seconda sala operatoria in caso di necessità nella stessa fascia oraria. Secondo gli esperti, le liste d'attesa per le patologie degenerative della colonna potranno essere abbattute perché ''si ritiene di eseguire all'ospedale di Erba più di 400 interventi all'anno. Anche le liste d'attesa per dolori cronici e spasticità potranno esser ridotte: i neurochirurghi del Besta ruoteranno per eseguire gli interventi e per seguire i pazienti sia nel pre che nel post operatorio''. (ANSA).

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento