I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

La medicina estetica cresce tra gli immigrati di seconda generazione

Aumentano le prestazioni ambulatoriali. Gli stranieri chiedono soprattutto l’epilazione e il trattamento delle macchie della pelle

La medicina estetica cresce tra gli immigrati di seconda generazione

Medicina estetica: è boom fra gli immigrati di seconda generazione. Sono loro i “nuovi clienti” dei chirurghi estetici italiani. Lo dice Emanuele Bartoletti, segretario generale della Società italiana di medicina estetica (Sime), durante il congresso annuale: crescono le prestazioni ambulatoriali (soprattutto quelle che costano meno) proprio fra gli stranieri.
 “Ormai – ha spiegato Bartoletti – siamo alla seconda o alla terza generazione di immigrati, che, di fatto, sono naturalizzati italiani. Sono cittadini perfettamente inseriti nel tessuto sociale del Paese, e spesso anche economicamente abbienti”.

Gli stranieri “hanno iniziato a rivolgersi alle strutture di medicina estetica, come, ad esempio, il servizio ambulatoriale dell’ospedale Fatebenefratelli di Roma. Ovviamente hanno richieste diverse da quelle della media degli italiani. I “problemi” principali, soprattutto per chi ha la pelle scura, sono l’epilazione e le macchie della pelle”.
E sarà proprio l’epilazione laser, secondo le previsioni, il trattamento estetico più richiesto, in futuro, in dermatologia.
Se nel 2000 il 30% della popolazione aveva un fototipo scuro, nel 2050, la metà della popolazione mondiale sarà di discendenza non europea.
Ci saranno nuovi tipi di richieste – hanno detto gli esperti – e dovranno essere ricalibrati i trattamenti, perché la cosmetologia è nata sul modello caucasico, ma ogni tipo di etnia presenta diversi problemi estetici. Ad esempio, la disidratazione per le pelli scure, la tendenza a discromie e macchie negli asiatici, il foto-invecchiamento con rughe, anche precoci, per i caucasici.

di Monica Coviello

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
La tubercolosi torna a preoccupare

La giornata internazionale della Lotta alla TBC ha richiamato..