I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Colonscopia: tradizionale o virtuale

L'indagine per le patologie del colon: le differenze, le indicazioni e le controindicazioni dei due esami a confronto

No pagePagina successiva
Colonscopia: tradizionale o virtuale
Prof. Vito Domenico Corleto

A cura del Prof. Vito Domenico Corleto, Aggregato di Gastroenterologia presso l'Università Sapienza, e l'Ospedale Sant’Andrea, di Roma.

 

La Colonscopia è una procedura che tramite un tubo flessibile, chiamato colonscopio, lungo e stretto, con una luce ed una telecamera in punta, permette di osservare l’interno dell'intero colon, ad iniziare dal retto. L’esame permette di mostrare i vari stati di irritazione della mucosa (edema, erosioni, ulcere),  qualunque tipo di alterazione della parete (diverticoli, restringimenti), ed eventuale proliferazione della mucosa (polipi, neoplasie, altro). L’indagine si esegue per aiutare la diagnosi in caso di alterazioni dell’alvo, di dolori addominali, sanguinamenti rettali, dimagrimento, oppure come screening del cancro del colon. La preparazione per una colonscopia include un colloquio per conoscere le condizioni mediche e le terapie in atto. Al termine dell’esame, bisogna prevedere l’accompagnamento a casa del paziente, fornendogli le spiegazioni riguardo al lavaggio intestinale. Il soggetto riceverà istruzioni scritte anche sulla dieta, priva di scorie (no frutta e verdura), da seguire nei tre giorni precedenti l’indagine, e sulla preparazione/lavaggio del colon. Ben inteso che una scarsa preparazione non permetterà una completa visualizzazione dell’intera mucosa del colon. La colonscopia viene di solito eseguita ambulatorialmente in ospedale, o nei centri clinici attrezzati. Il soggetto è disteso di solito sul fianco sinistro e, dopo una blanda o completa sedazione, l’operatore guida lentamente il colonscopio dall’ano fino al fondo cecale. Durante l’esame si possono rimuovere (resecare) polipi, e prelevare campioni di tessuto (biopsie) per farli analizzare al microscopio dal patologo. Se correttamente eseguita, la colonscopia è una procedura sicura. Seppure rare, le più frequenti complicanze associate sono il sanguinamento e la perforazione, che possono essere trattate in maniera conservativa dallo stesso operatore. 

 

Che cos’è la colonscopia virtuale

E’ una procedura usata per evidenziare lesioni cancerose e precancerose come i polipi o altre patologie del colon. Le immagini sono ottenute utilizzando la tomografia assiale computerizzata nota come TAC. Dopo la scansione un programma speciale ricostruisce in forma animata il colon in tre dimensioni, rappresentando il suo interno.     

 

Che cos’è la TAC

E’ una procedura radiologica in grado di acquisire centinaia di immagini di sezioni del corpo in pochi secondi. Un computer con un programma specifico ricompone le immagini ricostruendo per intero gli organi interni.  

 

Come ci si prepara per una colonscopia virtuale

Le raccomandazioni e la preparazione per la colonscopia virtuale sono identiche a quelle per la colonscopia tradizionale. L’intestino deve essere libero da residui solidi quindi una dieta senza scorie (frutta e verdure) viene seguita nei tre giorni precedenti. Il giorno prima sono ammessi solo liquidi chiari, mentre circa 8-12 ore prima è necessario assumere un lassativo di solito in soluzione liquida che completa la pulizia del colon.    

Prima di eseguire l’esame il paziente beve un liquido che aumenta il contrasto con il quale le eventuali alterazioni della mucosa del colon saranno meglio visualizzate. L’esame si svolge nel reparto di radiologia, non richiede sedazione, e dura circa 10 minuti. Al paziente viene inserito nel retto una piccola cannula attraverso la quale si immette una certa quantità di anidride carbonica (CO2), che serve a distendere il colon e vedere meglio l’interno. Le immagini vengono acquisite prima con paziente supino e poi prono. Il radiologo analizza le ricostruzioni tridimensionali del colon ed in presenza di anormalità o di forti dubbi richiede una colonscopia tradizionale per completare la diagnosi e/o trattare l’alterazione descritta.  

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Giugno: tempo di esami
Giugno: tempo di esami

Come puoi aiutare tuo figlio a superare l’ansia da esame e presentarsi..

Gravidanza: quali gli esami da fare prima e durante
Gravidanza: quali gli esami da fare prima e durante
Video - Gravidanza: quali gli esami da fare prima e durante

Rosanna intervista il Professor Claudio Giorlandino

Rimedi naturali per affrontare gli esami scolastici
Rimedi naturali per affrontare gli esami scolastici

Manca poco al giorno fatidico: ecco come tenere a bada ansia e stanchezza

Il check up ti salva la vita
Il check up ti salva la vita

Gli esami di routine che aiutano a prevenire i problemi

Troppi gli esami radiologici richiesti: 1 su 4 è inutile
Troppi gli esami radiologici richiesti: 1 su 4 è inutile

Limitarli ridurrebbe i rischi per l’esposizione a radiazioni e..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..