I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Reflusso gastrico: al via una nuova soluzione chirurgica

La buona notizia che dà l’addio alla malattia gastroesofagea arriva da un elettrostimolatore a comando, da impiantare con tecnica mini invasiva, priva di controindicazioni, testata dallo staff chirurgico dell’IRCCS Policlinico San Donato. I vantaggi.

No pagePagina successiva
Reflusso gastrico: al via una nuova soluzione chirurgica

Con la consulenza del professor Luigi Bonavina, responsabile della Divisione Universitaria di Chirurgia Generale dell’IRCCS Policlinico San Donato e docente dell’Università degli Studi di Milano.

 

Affligge il 10 percento dei nostri connazionali ed è uniformemente distribuito sulla popolazione femminile e maschile del mondo occidentale a partire dai 20 fino ai 60 anni. Il reflusso gastroesofageo è una vera e propria malattia con andamento cronico-recidivante, dovuta al malfunzionamento della valvola muscolare situata tra esofago e stomaco - il cardias -, che in condizioni normali si apre per consentire il passaggio del cibo e si richiude subito dopo per impedire ai succhi gastrici di risalire verso lo stomaco.

Le persone predisposte al problema, in genere, assumono dei farmaci che se ingeriti per un lungo periodo di tempo possono causare effetti secondari, come un cattivo assorbimento di vitamina B12, di magnesio e, specie nella donna, aumentare il rischio di fratture ossee. Ma la buona notizia adesso c'è.

 

Una soluzione radicale

“Da molti anni si è alla ricerca di soluzioni alternative ai farmaci”, spiega il professor Luigi Bonavina, responsabile della Divisione Universitaria di Chirurgia Generale del Policlinico San Donato, “in passato, gli interventi per eliminare la patologia venivano eseguiti aprendo l’addome. Poi è subentrata la chirurgia mini invasiva per via laparoscopica, che consiste nell’effettuare piccoli buchi nella parete addominale. Queste procedure, però, sono indicate per i pazienti che non solo soffrono di un reflusso importante, ma presentano anche esofagite, ernia iatale e altre complicanze della malattia”. Per quanti lamentano episodi quotidiani di reflusso di minore entità, la nuova frontiera della chirurgia è il metodo Endostim®, che consiste nell’impianto di un elettrostimolatore (pacemaker), ed è stato eseguito per la prima volta nel dicembre 2014 al Policlinico San Donato.

 

La tecnica

“L’elettrostimolatore,” spiega lo specialista, “viene impiantato in una piccola tasca sottocutanea dell’addome, a fianco dell’ombelico, che viene poi richiusa con una sutura intradermica. Attraverso i fori classici praticati dalla laparoscopia, il generatore è collegato allo sfintere – la zona di passaggio tra esofago e stomaco -, mediante due elettrodi che conducono impulsi a bassa intensità con frequenza programmata, per favorire il tono del muscolo che contraendosi contrasta il reflusso”. La grande novità dell’operazione è la sua modulabilità. La batteria del generatore dura dieci anni. Gli stimoli elettromagnetici vengono modulati dal medico tramite un telecomando. In questo modo, la frequenza degli impulsi può essere decisa a seconda delle caratteristiche della patologia e la stimolazione può anche essere interrotta se i sintomi migliorano. L’intervento dura mezz’ora in anestesia generale ed è indicato quando la malattia è allo stadio iniziale e non ha ancora generato gravi complicanze. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Mani palmate: un intervento per ristabilirne la funzionalità
Mani palmate: un intervento per ristabilirne la funzionalità

Un'alterazione che si risolve chirurgicamente, ripristinando lo spazio..

Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture
Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture

L’Agenzia europea dei medicinali ha deciso una revisione dei farmaci..

Pops: la nuova tecnica laparoscopica per risolvere il prolasso urogenitale
Pops: la nuova tecnica laparoscopica per risolvere il prolasso urogenitale

Messo a punto da un medico italiano, l’intervento consente il riassetto..

La chirurgia bariatrica per la cura del diabete nei pazienti obesi
La chirurgia bariatrica per la cura del diabete nei pazienti obesi

Bypass gastrico e diversione bilio-pancreatica sono le due soluzioni..

È il cibo l’ossessione delle donne (il sesso quella degli uomini)
È il cibo l’ossessione delle donne (il sesso quella degli uomini)

Il pensiero oscilla tra desiderio e sensi di colpa. Ma gli esperti..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..