I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Nuovo farmaco contro l’Epatite C

Agisce in sole otto settimane

La nuova sfida della ricerca scientifica: eradicare l’Epatite C in sole otto settimane. Questo è possibile con il nuovo farmaco (Maviret) già disponibile nei centri pubblici nelle diverse unità operative complesse degli ospedali, di infettivologia, epatologia e medicina interna. L’epatite cronica da virus C, o più semplicemente Epatite C o HCV, provoca un processo che nel tempo compromette strutturalmente e funzionalmente il fegato. Si stima che in Italia ci siano circa 300mila pazienti con Epatite C (HCV) e un numero imprecisato di persone inconsapevoli di aver contratto l’infezione, per un totale stimato che va oltre il milione di persone. Negli ultimi anni è mutato lo scenario della terapia: con la disponibilità dei nuovi farmaci ad azione antivirale diretta, è possibile curare la maggior parte dei pazienti a prescindere dallo stadio della malattia.

PARLIAMO DI: Epatite C, terapia

Il tuo voto è stato registato.

Il voto dei lettori (2/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Combattere lo stress con la REAC-CRM terapia
Combattere lo stress con la REAC-CRM terapia

Una “riprogrammazione del cervello” mirata al ristabilimento..

Terapia antistress: è la Giornata mondiale della lotta con i cuscini!
Terapia antistress: è la Giornata mondiale della lotta con i cuscini!

Tutti in piazza, in 150 città di ogni parte mondo, “armati” di un..

Malattia di Gaucher: terapia enzimatica per una vita normale
Malattia di Gaucher: terapia enzimatica per una vita normale

La sostituzione dell’enzima beta-glucosidasi acida può agire..

Acufene, quel ronzio nella testa
Acufene, quel ronzio nella testa

Con la TRT, terapia della riprogrammazione, si può curare

La rivoluzione della farmacogenetica
La rivoluzione della farmacogenetica

I nuovi studi potrebbero portare a terapie farmacologiche sempre più..