I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Mani palmate: un intervento per ristabilirne la funzionalità

Un'alterazione che si risolve chirurgicamente, ripristinando lo spazio interdigitale

Mani palmate: un intervento per ristabilirne la funzionalità

Le alterazioni della mano sono numerose, ciascuna con differenti ripercussioni sulla loro funzionalità. Tra queste c’è la mano palmata, una malformazione delle dita abbastanza diffusa, ma poco nota. Di che cosa si tratta? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Francesca Ughi, specialista in chirurgia plastica e ricostruttiva a Milano.

«Alcune persone hanno le dita delle mani poco divise tra loro, e a volte risultano essere persino unite. Nella maggior parte dei casi, l’unione riguarda la prima mezza falange, altre volte la seconda, mentre nei casi più seri, il fenomeno può interessare fino alla terza falange. Oltre che un problema estetico, avere la mano palmata è sicuramente antifunzionale, anche quando è al suo stadio più lieve, cioè interessa soltanto la prima falange».

 

L’intervento chirurgico

«Oggi è possibile correggere quest’anomalia con un intervento chirurgico», riprende la dottoressa Ughi. «È sufficiente praticare un’incisione tra le dita e ripristinare la normale lunghezza e la completa funzionalità. Più precisamente, la separazione delle dita avviene mediante una plastica della cute nello spazio interdigitale e un’attenta separazione delle ossa, dei tendini e dei nervi».

Quello che è importante, però, è stabilire se l’unione tra le dita riguarda soltanto la pelle o anche le strutture ossee e tendinee. Per questo motivo, prima di sottoporre i pazienti all’intervento, è necessaria una serie di esami, tra cui quello per controllare dove passano i vasi sanguigni e i nervi, per evitare seri inconvenienti alle dita dopo l’operazione.

«L’intervento di separazione delle dita è abbastanza lungo, dura circa 2-3 ore per mano, viene fatto in anestesia locale e in day-hospital», avverte la dottoressa Ughi. «Nonostante le mani si operino una alla volta, si tratta di un lavoro di ricostruzione molto delicato e si interviene prima da un lato e poi dall’altro, per permettere alla persona di riprendere una normale attività. Dopo l’intervento, è necessario fare un controllo il giorno successivo, poi dopo circa 5 giorni per togliere i punti e l’ultimo controllo va fatto dopo circa due settimane».

di Cesare Betti

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Chirurgia plastica: 4 tipologie di donne
Chirurgia plastica: 4 tipologie di donne

Quella che dice no, quella che si concede un ritocchino, quella che ci..

Chirurgia plastica: qual è l’età giusta per intervenire?
Chirurgia plastica: qual è l’età giusta per intervenire?

Non tutto il corpo invecchia alla stessa velocità e non tutti gli..

Chirurgia plastica: cosa fare se il risultato non ci piace
Chirurgia plastica: cosa fare se il risultato non ci piace

Può succedere che l’intervento non ci soddisfi del tutto, ma nel 90%..

Chirurgia plastica dopo un dimagrimento radicale
Chirurgia plastica dopo un dimagrimento radicale

Lifting circonferenziale, mastopessi e lifting braccia contro il..

Chirurgia plastica: adesso o… mai più?
Test - Chirurgia plastica: adesso o… mai più?

Scopri con il nostro test se sei pronta a prendere in considerazione il..

Sicura di sapere tutto?
Test - Sicura di sapere tutto?

Metti alla prova le tue conoscenze di chirurgia plastica con il nostro test