I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Irregolarità intestinale: un disturbo molto frequente in vacanza

Con il cambio di clima e un’alimentazione sregolata o povera di fibre, l’intestino fa i capricci. Ecco cosa fare per riattivarne il regolare funzionamento

No pagePagina successiva
Irregolarità intestinale: un disturbo molto frequente in vacanza

È un problema fastidioso, che spesso colpisce in estate, durante i viaggi e le vacanze. Complici il cambiamento di clima e le abitudini di vita, tra cui l’alimentazione sregolata. L’irregolarità intestinale, infatti, è un disturbo della funzionalità dell’intestino causato prevalentemente da un’alimentazione povera di fibre o eccessivamente raffinata. Quando è la conseguenza di una serie di fattori legati allo stile di vita, per arrivare alla soluzione basta rivedere le proprie abitudini. E ciò significa: “svolgere una moderata attività fisica, seguire un’alimentazione ricca di fibre vegetali (che arrivando direttamente nell’intestino senza essere state digerite aumentano la massa delle feci e ne accelerano il passaggio favorendone l’espulsione), e concedersi il tempo necessario per non perdere l’“appuntamento quotidiano” precisa Fabrizio Pregliasco, specialista in Igiene e Medicina Preventiva a Milano. “L’intestino, infatti, è abitudinario. Per fargli rispettare la puntualità è necessario ritagliargli un momento fisso da dedicare alle sue funzioni: di mattina, di sera o dopo i pasti”.

 

Gli alimenti amici dell’intestino

Una corretta alimentazione è il punto di partenza per avere un intestino regolare. E alcuni alimenti sono in grado di aiutarlo a svolgere le sue funzioni:

  • pane, pasta, biscotti, grissini, crackers, preparati con farina integrale
  • cereali, come grano soffiato, corn flakes, muesli, fiocchi d’avena, da consumare soprattutto durante la prima colazione aggiunti al latte o allo yogurt e a un cucchiaino di miele
  • frutta e verdura, cruda o cotta, in particolare carciofi, catalogna, cime di rapa, broccoli, cavolfiori, cipolle, zucchine, sedano, lattuga, pomodori, cicoria, cavoli, legumi freschi e secchi (ceci, fave, lenticchie, fagioli), carote, zucca, mele (non pelate), pere, kiwi, albicocche, arance, prugne fresche o secche, banane, fragole, melone, uva, ananas
  • formaggi freschi, tra cui mozzarella, ricotta, caprino, caciotta, che contengono pochi grassi
  • olio di oliva (1 o 2 cucchiai al giorno come condimento a crudo), che ha funzioni di “lubrificante” intestinale
  • per gli spuntini fuori pasto vanno bene frutta fresca, yogurt, spremuta, succo di frutta, oppure un panino integrale con la marmellata o crackers integrali
  • tisane, minestre e passati di verdura, brodo vegetale, succhi e spremute di frutta, per aumentare la massa delle feci e ammorbidirla.