I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Io vado avanti

È l’iniziativa che aiuta le donne nel percorso di guarigione dopo un tumore al seno

No pagePagina successiva
Io vado avanti

Riscoprire il benessere, la femminilità, la forma fisica, la bellezza e la vita sociale nel percorso di cura e guarigione di un tumore al seno. Senza mai sentirsi sole. È questo l’obiettivo del cofanetto Io vado Avanti, un’iniziativa editoriale di O.N.Da (Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna),
in distribuzione agli oncologi e, tramite loro, alle 450.000 donne che hanno questa importante sfida da vincere. Sei esperti in diverse tematiche hanno messo a disposizione la loro esperienza e professionalità per fornire stimoli e informazioni per “andare avanti”. A partire dal parlare apertamente della malattia.

 

Parlane in famiglia

“Il 30% delle donne trattate per un tumore al seno – afferma  Daniela Ferriani, psicoterapeuta - si sente meno femminile e oltre la metà attraversa un periodo di depressione. Occorre affrontare la paura e lo smarrimento, gestire lo stress con coraggio e determinazione e cercare il supporto nelle relazioni su cui si sente di poter contare. Può aiutare vincere le resistenze ed imparare a raccontarsi liberamente, non isolarsi, mantenere un contatto con le amicizie e ridistribuire i compiti all’interno della famiglia”. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Ortoterapia: curarsi con il giardinaggio

Piantare un seme, curarlo e vederlo crescere assicura grandi benefici dal..

Ritrovare il sorriso

Con la nuova implantologia si riducono costi e tempi di cura

Una nuova cura per gli alcolisti

L’acamprosato, il farmaco che riduce la dipendenza e aiuta a mantenere..

Fisioterapisti, 100.000 abusivi in Italia, il doppio di quelli “veri”

In assenza di un ordine professionale, non esistono sufficienti garanzie..

Sci, metà degli incidenti riguarda le ginocchia

Cosa possiamo fare subito dopo la caduta per non peggiorare la situazione