I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Farmacie sul web: attenzione ai medicinali contraffatti

Il 27% degli italiani acquista medicinali via Internet, ma il rischio di truffe è molto elevato

No pagePagina successiva
Farmacie sul web: attenzione ai medicinali contraffatti

Medicinali che arrivano direttamente a casa, senza ricetta medica, e a prezzi scontati. Sembrerebbe una soluzione ottimale, se non fosse che dietro alla facilità di acquistare farmaci sul web, il più delle volte, si nasconde una vera e propria truffa. «Diciamo subito che quelle che sono chiamate farmacie online in realtà sono siti che 7 volte su 10 vendono farmaci contraffatti », è netta la posizione della dottoressa Annarosa Racca presidente di Federfarma, la federazione che rappresenta oltre 16 mila farmacie convenzionate con il Servizio sanitario nazionale. E i dati del Comando dei carabinieri per la tutela della salute, lo confermano: tra il 2009 e il primo semestre del 2010 nel nostro paese sono stati sequestrati 1,75 milioni di farmaci, il 20% dei quali illegale.  

 

Occhio alla carta di credito e… alla salute!

«La presenza delle farmacie sul territorio italiano inoltre – aggiunge la dottoressa - è stabilita da precise leggi dello Stato, in base al numero di abitanti o alla distanza l’una dall’altra». Queste farmacie virtuali invece nascono improvvisamente e altrettanto velocemente spariscono dalla Rete. «In alcuni casi si tratta addirittura di pagine web utilizzate per entrare in possesso dei dati delle carte di credito degli acquirenti». Oltre che per il conto in banca il rischio maggiore naturalmente è per la salute. «Nella migliore delle ipotesi sono medicinali innocui, che presentano una quantità di principio attivo minore rispetto al farmaco originale, oppure non ne contengono affatto. La categoria peggiore però riguarda quelli fabbricati con materie prime scadenti e potenzialmente tossiche per la salute umana» spiega la nostra esperta. Se nelle pasticche sono presenti ingredienti pericolosi non dichiarati sull’etichetta, i danni per la salute si moltiplicano fino ad arrivare al pericolo di morte.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Integratori fai da te? No grazie
Integratori fai da te? No grazie

Secondo l’Aimef conterrebbero sostanze non dichiarate, e soprattutto..

Anoressia, un problema anche maschile
Anoressia, un problema anche maschile

I disturbi alimentari in crescita tra i giovani uomini