I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Estate: allarme funghi della pelle

Caldo, umidità e sudore favoriscono la diffusione delle micosi

No pagePagina successiva
Estate: allarme funghi della pelle

I funghi della pelle colpiscono circa 2 persone su 100, adulti e bambini. E sono più frequenti in estate perché con la sudorazione i microrganismi che ne sono la causa, i miceti, trovano l’ambiente ideale per riprodursi, diffondendosi soprattutto nei ristagni d’acqua (come i bordi delle piscine, le docce) e nelle scarpe (per la macerazione dei piedi chiusi per molte ore in calzature non traspiranti). Nella maggior parte dei casi inoltre, queste infezioni non danno disturbi e spesso vengono confuse con semplici dermatosi o, addirittura sono ignorate, perché sono così piccole da passare inosservate.  

 

I più comuni

“Le tinee sono i funghi che colpiscono più spesso adulti e bambini e possono interessare braccia, gambe, volto, collo, tronco”, spiega il professor Antonino Di Pietro, specialista in dermatologia e venereologia a Milano. “Si manifestano con chiazze che hanno un tipico aspetto ad anello, talvolta da minuscole vescicole e crosticine. Il sintomo più frequente è il prurito. Molto diffusa è anche la  tinea pedis o piede d’atleta, che colpisce soprattutto gli spazi fra le dita dei piedi. All’inizio si presenta come una semplice desquamazione, ma se non viene curata subito l’infezione si estende agli altri spazi interdigitali, alla pianta del piede, alle dita e al dorso. In queste zone possono comparire rossore, vescicole, pustole e addirittura bolle. Il sintomo più frequente è un leggero prurito e quando l’infezione è estesa ci può essere anche bruciore e dolore”. 

 

Le onicomicosi

I funghi che attaccano le unghie dei piedi sono invece le onicomicosi e sono caratterizzate da un’alterazione dell’unghia, che può apparire più spessa, opacarugosa, e di colore biancastro, giallastro, verdastro o brunastro; l’unghia, inoltre, può anche diventare fragile e “tarlata”, specie a livello del bordo libero, dove i batteri responsabili dell’infezione attaccano più frequentemente. In alcuni casi le pieghe della pelle che circondano l’unghia possono diventare rosse e gonfie.

L’infezione va curata tempestivamente perché può provocare dolore, difficoltà ad indossare scarpe, e costituisce un importante “serbatoio” per l’instaurarsi di altre infezioni da funghi.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Prurito: il contagio è visivo

Basterebbe guardare qualcuno intento a grattarsi per avvertire la stessa..

L’importanza di una corretta igiene intima

Bastano semplici accorgimenti per prevenire disturbi seri

Gli italiani e l’igiene orale: un rapporto davvero infelice

Trascurano la pulizia dei denti, non conoscono la prevenzione e dal..

Pidocchi, strategie per evitare il contagio

Aggressivi e recidivi sono spesso ospiti sgraditi delle classi scolastiche

I batteri si annidano nelle tastiere

Oltre al capo e ai colleghi, in ufficio state attente anche ai germi