I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come si risolve la gastrite da infezione batterica

Farmaci e alimentazione per debellare definitivamente l’Helicobacter pylori

Come si risolve la gastrite da infezione batterica

Se vuoi curare definitivamente la gastrite, non è sufficiente la dieta: occorre necessariamente anche una cura “ad hoc”. E non perderti d’animo, anche se è piuttosto lunga: dura infatti dieci giorni. Nei primi cinque il farmaco da assumere è un antibiotico a base di amoxicillina, per indebolire l’Helicobacter pylori.
Il colpo finale lo danno nei cinque giorni successivi altri due farmaci: un antibiotico a base di claritromicina e un principio attivo specifico per le forme batteriche più tenaci, il timidazolo.

“La cura può essere seguita con tranquillità anche da chi ha lo stomaco delicato”, chiarisce Dino Vaira, professore associato del dipartimento di Gastroenterologia e Medicina interna dell'Università di Bologna. “Per dieci giorni i farmaci indicati vengono infatti presi con un inibitore della pompa protonica, un principio attivo che aiuta a sopportare bene gli antibiotici e tiene lontani i caratteristi effetti collaterali, come la nausea”.

Altrettanto utili sono i rimedi più noti e tradizionali, come i fermenti lattici a colazione, per proteggere l’intestino e prevenire il rischio di diarrea. Durante il pranzo, due compresse di un integratore multivitaminico contribuiscono a mantenere l’organismo “su di tono”. 

 

Cosa mangiare durante la cura

“Per dieci giorni bisogna far lavorare meno possibile il sistema gastrico”, aggiunge il professor Vaira. È la regola base per agevolare l’efficacia dei farmaci. Non c’è bisogno però di mangiare in bianco. Qualche esempio di piatti amici dello stomaco? Bocconcini di petto di pollo cucinati con due cucchiai di acqua e il succo di un limone e completati con qualche goccia di aceto balsamico. Oppure fettine di pesce al vapore insaporite con erba cipollina. Sì anche al risotto con zucchine e piselli e alla pasta con i broccoletti. Niente zafferano e peperoncino però, perché irritano lo stomaco. Bandite per due settimane anche le bevande alcoliche e il caffè. 

Per saperne quali sono gli esami necessari a diagnosticare questa patologia, leggi Come si identifica la gastrite da infezione.

di Cinzia Testa

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come si identifica la gastrite da infezione
Come si identifica la gastrite da infezione

Dolori e bruciori di stomaco: non sempre sono sintomi di infiammazione..

Resistenza agli antibiotici: è allarme
Resistenza agli antibiotici: è allarme

Due nuovi studi confermano la pericolosità dell’uso degli antibiotici..

Cistite, una malattia trascurata
Cistite, una malattia trascurata

Un fastidioso disturbo, tipicamente femminile, dovuto a un’infezione..

Mamma, mi scappa la pipì…
Mamma, mi scappa la pipì…

La cistite è un disturbo frequente anche nei più piccoli. Come..