I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come interpretare, e curare, i vari tipi di tosse

Secca o grassa, è la risposta dell’organismo a un’infiammazione delle vie respiratorie. Anche a causa del contatto con un polline, con vapori irritanti, ammoniaca o candeggina, fumo, polvere e smog. Come calmarla.

No pagePagina successiva
Come interpretare, e curare, i vari tipi di tosse

Con la consulenza del professor Fulvio Braido, della Clinica di malattie dell'apparato respiratorio e allergologia dell’Università degli Studi di Genova.

 


Il colpo di tosse è un’improvvisa esplosione con la quale viene espulsa dalla bocca aria, spesso ricca di germi, alla velocità di 800/1.000 chilometri l’ora. È uno dei disturbi più frequenti, non una vera e propria malattia, ma un segno che qualcosa non va per il verso giusto. Per fortuna, nella maggior parte dei casi, non c’è da preoccuparsi. Si tratta di una reazione di difesa delle vie respiratorie che, in base al motivo per cui compare, si manifesta in modo differente. Ecco, con l’aiuto del professor Fulvio Braido, come interpretare, e curare, i vari tipi di tosse.

Un meccanismo importante

Tutto l’apparato respiratorio è ricoperto da un sottile strato di muco che lo protegge e lo lubrifica. In questo modo, il transito dell’aria non provoca alcun fastidio ai tessuti sottostanti, che sono molto delicati. Quando questa protezione si riduce, l’aria irrita i tessuti, causando dapprima il caratteristico “raspino” in gola e poi la tosse vera e propria. Con la tosse, quindi, l’organismo cerca di eliminare sostanze estranee o irritanti che possono venire a contatto con le vie respiratorie, nonché tutte le eventuali secrezioni in eccesso prodotte dai bronchi. Ma perché si tossisce? Particolari terminazioni nervose situate sull’apparato respiratorio segnalano al cervello la presenza delle sostanze “indesiderate” che devono essere espulse. Come risposta, il cervello valuta se tossire o no, e partono impulsi nervosi che permettono di “preparare” il colpo di tosse, un meccanismo che può essere distinto in tre diverse fasi:
Inspiratoria, durante la quale avviene un aumento delle dimensioni della gabbia toracica e la distensione dei muscoli espiratori: quanto più elevata è la quantità di aria inspirata, maggiore è la forza della tosse. 
Compressiva, durante la quale si ha la chiusura della glottide (la zona della faringe in cui sono presenti le corde vocali) e la contrazione dei muscoli del torace e dell’addome, cui segue l’aumento della pressione toracica e compressione dell’aria.
Espulsiva, durante la quale si ha l’apertura della glottide e l’espulsione dell’aria e del muco eventualmente presente. Il rumore che accompagna la tosse è dovuto alle vibrazioni del flusso d’aria sulle pareti delle vie aeree e sulle corde vocali.

 

Dimmi come tossisci... e ti spiegherò quali sono le possibili cause 

La tosse secca non si accompagna alla produzione di catarro. È dovuta all’irritazione della laringe, della trachea e dei bronchi; può segnalare l’inizio di una laringite o tracheite. Anche alcuni virus possono scatenarla: i bronchi diventano più reattivi per far fronte all'attacco virale. La tosse secca sipuò manifestare quando l’aria secca asciuga le secrezioni mucose. Nelle persone predisposte, il contatto delle vie respiratorie con un allergene, per esempio un polline, può innescare l'infiammazione che causa la tosse. Possono provocarla anche l’inalazione di vapori irritanti, come ammoniaca o candeggina, insieme a fumo, polvere e smog. Infine, la tosse secca può essere causata dal reflusso gastroesofageo: in questo caso, però, compare insieme al bruciore allo stomaco.


La tosse umida o grassa è quella che si accompagna alla produzione di catarro ed è quasi sempre il segnale di un’infezione delle vie respiratorie. Questo tipo di tosse causa spesso rantoli e gorgoglii durantela respirazione e chi ne è colpito avverte uno spiacevole senso di peso e di oppressione al petto dovuto all’ostruzione dei bronchi.

 

I farmaci per calmarla 

Soltanto in caso di catarro denso può essere utile ricorrere ai mucolitici, che rendono più fluide le secrezioni. Se la tosse è secca, si può puntare su un calmante che agisca sullo stimolo. Alcuni di questi farmaci, però, possono irritare le pareti dello stomaco, fenomeno da non sottovalutare nelle persone che hanno problemi gastrici. Inoltre, è bene che non vengano assunti da chi ha la tosse produttiva in quanto, bloccando il meccanismo, impediscono all’organismo di eliminare il catarro e insieme i germi responsabili dell’infezione. Infine, alcuni sciroppi contengono sostanze sedative: non vanno presi prima di mettersi alla guida o di compiere un'attività che richieda prontezza di riflessi.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Tutto in una notte
Tutto in una notte

Combattono rughe e cellulite: i trattamenti di bellezza che agiscono..

I farmaci per il raffreddore?  Inutili
I farmaci per il raffreddore? Inutili

Risparmiate i soldi: le ricerche non confermano l’efficacia delle..

Farmaci in valigia
Farmaci in valigia

8 italiani su 10 non partono senza un kit di emergenza: antinfiammatori,..

Sai quando utilizzare i farmaci generici?
Sai quando utilizzare i farmaci generici?

Efficaci e sicuri, hanno un costo inferiore rispetto a quelli di..

La febbre, un meccanismo di difesa
La febbre, un meccanismo di difesa

L’American Academy of Pediatrics invita i genitori a non somministrare..

Sai curarti da sola?
Test - Sai curarti da sola?

Verifica qual è il tuo rapporto con i farmaci

Scopri se sei ipocondriaco
Test - Scopri se sei ipocondriaco

Sei quasi sempre preoccupata per la tua salute? Non fai altro che pensare..