I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Cefalea a grappolo: curabile con uno spray nasale

Il nuovo farmaco usa e getta, a base di zolmitriptan, si è rivelato efficace e veloce per sconfiggere il dolore

No pagePagina successiva
Cefalea a grappolo: curabile con uno spray nasale

Prima l’emicrania e ora anche la cefalea a grappolo sono state sconfitte in modo rapido ed efficace da un nuovo spray nasale usa e getta, già disponibile negli Stati Uniti e in arrivo anche in Italia. Dopo 10 minuti si inizia a stare meglio e dopo 30 si è liberi dal dolore. Una volta che la prima frazione di principio attivo è rapidamente entrata in circolo, una seconda viene assorbita a livello gastrointestinale con conseguente mantenimento dell’effetto terapeutico, fattore importante per chi soffre di cefalea a grappolo. Oltre alla fondamentale esigenza di liberarsi al più presto dal dolore, c’è infatti la necessità di evitare che si ripresenti con la caratteristica recrudescenza degli attacchi che si verifica nella fase di grappolo.

 

Caratteristiche della cefalea a grappolo

Il nuovo farmaco è stato presentato in occasione dell’appuntamento “Focus on Headaches: update and upcoming developments” (il Congresso di Stresa organizzato dal Centro Cefalee dell’Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano) dal professor Alan Rapoport della UCLA School of medicine di Los Angeles e neo-Presidente dell’IHS-International Headache Society.

Ha una formulazione a base di zolmitriptan che, dimostratasi efficace contro l’emicrania, ha dato risultati positivi anche nella cura della cefalea a grappolo

Talmente dolorosa da essere definita “da suicidio”. “L’attacco di cefalea a grappolo è un evento così insopportabile che alcuni pazienti hanno addirittura tentato di togliersi la vita per porvi fine”, spiega il professor Gennaro Bussone, Presidente Anircef-Direttore Dipartimento Scienze Neurologiche, Direttore del Centro Regionale Cefalee e Algie Facciali Atipiche della Lombardia, Fondazione Istituto Neurologico IRCCS Carlo Besta di Milano.

“I suoi attacchi si raggruppano in periodi di uno-due mesi, detti grappoli, intervallati da diversi mesi di benessere, con un dolore quotidiano (da una crisi ogni due giorni, fino a otto crisi al giorno) della durata compresa tra 15 e 180 minuti, che compare spesso alla stessa ora ed è strettamente unilaterale in sede oculo-fronto-temporale. È violento, intensissimo, trafittivo, lancinante, descritto come una pugnalata o un chiodo nell’occhio”.

Si accompagna a segni autonomici come lacrimazione, arrossamento congiuntivale, ostruzione nasale, rinorrea (naso che cola) e sudorazione facciale. La persona è agitata, irritabile, in continuo movimento come “un animale in gabbia” che vive nel terrore della ricomparsa delle crisi dolorose. Quindi, ha più bisogno degli altri cefalgici di un trattamento d’emergenza rapido ed efficace.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
L’essenza indicata per le donne Ariete è la maggiorana

L’aroma profumato porterà calma alle irrequiete ed esuberanti arietine

Il botulino diventerà il nuovo analgesico per il mal di testa?

Secondo una ricerca americana oltre alle rughe combatte efficacemente..

Novità tra gli anticoncezionali: il bastoncino sottocutaneo

Di rapida applicazione, il nuovo contraccettivo non contiene estrogeni,..

La vitamina B, grande amica delle donne

Sono le vitamine del benessere: indispensabili durante la gravidanza,..

I cibi “anti” che fanno bene alla salute

Dall’infarto alla calvizie, dalla depressione all’emicrania, ecco i..