I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Salute occhi: novità per maculopatia e distacco della retina

Da poco introdotta anche in Italia, la nuova tecnica per la chirurgia oculistica, vitrectomia, assicura interventi sempre meno invasivi e recupero post-operatorio ridotto e niente dolore.

Salute occhi: novità per maculopatia e distacco della retina

Tecniche sempre più mini-invasive, con post-operatorio ridotto e niente dolore. La tecnologia nel campo della chirurgia oculistica continua a fare passi avanti: una delle ultime novità riguarda la vitrectomia, una procedura chirurgica utilizzata per rimuovere il corpo vitreo di solito in seguito ad alcuni tipi di maculopatia o al distacco di retina.

“La novità consiste in un’evoluzione del diametro degli aghi delle siringhe, disponibili da poco in Italia a 27 gauge, ossia 0,4 millimetri – afferma Alberto Bellone, oculista di Torino specializzato in chirurgia refrattiva e microchirurgia oculare -. In precedenza la misura più piccola disponibile era 25g ossia 0,5 mm. Un cambiamento davvero microscopico, ma che per la microchirurgia è sostanziale e comporta numerosi benefici per il paziente: i risultati saranno migliori e così anche la ripresa dopo l’operazione”.

L’intervento di vitrectomia consiste nella rimozione del corpo vitreo e si rende necessario a seguito di alcune patologie: “l corpo vitreo è una sostanza gelatinosa trasparente presente all’interno dell’occhio, composta in gran parte da acqua e da sostanze come collagene e acido ialuronico. Aderisce in più punti alla retina, quindi l’intervento deve essere eseguito da esperti per evitare danni”, dice Bellone.

 

L’intervento

“La vitrectomia è efficace quindi in tutte quelle situazioni in cui il vitreo non è più trasparente, come nelle emorragie o nelle infezioni, oppure quando si è reso responsabile del formarsi di una patologia a carico della retina come il distacco, la retinopatia diabetica, il foro maculare e il pucker - spiega l’oculista torinese -. La vitrectomia a 27g è indicata per la gran parte degli interventi, anche se non proprio per tutti. Tra le indicazioni principali per la vitrectomia 27g c’è la membrana epiretinica (pucker maculare) o maculopatia a cellophane, come viene spesso chiamato.”.

L'intervento è valido anche in caso di traumi oculari penetranti con o senza ritenzione di corpo estraneo, o nel caso di complicazioni di altre chirurgie oculari come nel nucleo lussato in camera vitrea a seguito di un intervento di cataratta con rottura capsulare.

 

La tecnica

“Negli anni ’70 , quando fu inventata la vitrectomia era a 17g. Vent’anni fa lo strumento utilizzato aveva un diametro di 1 millimetro, oggi, dopo vari passaggi intermedi, con il 20 e il 23 g abbiamo più che dimezzato questa grandezza”, spiega l’oculista torinese. La vitrectomia avviene praticando dei forellini all’interno dell’occhio attraverso i quali sono inserite delle microsonde che permettono di eseguire l’intervento chirurgico sul corpo vitreo e sulla retina. Il diametro di queste microsonde determina la invasività dell’intervento: è chiaro che tanto più piccolo è il diametro tanto migliore saranno i risultati dell’intervento chirurgico e la ripresa nel postoperatorio.

“Con un diametro di 0,4 mm si aprono delle ‘mini-porte’ nell’occhio per l’operazione, che, per le dimensioni così ridotte sono auto-chiudenti (non bisogna dare dei punti di sutura), non determinano la fuoriuscita di liquido nel postoperatorio e non causano complicanze – afferma Bellone -. L’intervento si esegue in tempi brevissimi (15-20 minuti) e il recupero funzionale avviene subito, in 24 ore, senza dolore e in casi selezionati addirittura senza anestesia”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come intervenire per risolvere il problema della cataratta
Come intervenire per risolvere il problema della cataratta
Video - Come intervenire per risolvere il problema della cataratta

Rosanna Lambertucci intervista il professor Andrea Cusumano

Mani palmate: un intervento per ristabilirne la funzionalità
Mani palmate: un intervento per ristabilirne la funzionalità

Un'alterazione che si risolve chirurgicamente, ripristinando lo spazio..

Laser frazionale CO2 per avere occhi più giovani
Laser frazionale CO2 per avere occhi più giovani
Video - Laser frazionale CO2 per avere occhi più giovani

Rosanna intervista il professor Maurizio Valeriani

Chirurgia plastica: 4 tipologie di donne
Chirurgia plastica: 4 tipologie di donne

Quella che dice no, quella che si concede un ritocchino, quella che ci..

Chirurgia refrattiva: come dire addio a miopia e astigmatismo
Chirurgia refrattiva: come dire addio a miopia e astigmatismo
Video - Chirurgia refrattiva: come dire addio a miopia e astigmatismo

Rosanna intervista il professor Andrea Cusumano

Chirurgia plastica: adesso o… mai più?
Test - Chirurgia plastica: adesso o… mai più?

Scopri con il nostro test se sei pronta a prendere in considerazione il..

Sicura di sapere tutto?
Test - Sicura di sapere tutto?

Metti alla prova le tue conoscenze di chirurgia plastica con il nostro test

Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?
Test - Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?

Come ti comporteresti se il tuo lui si candidasse per un intervento di..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..