I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Ringiovanimento vaginale: boom di trattamenti

Grazie al laser è possibile risolvere problemi di atrofia e migliorare la funzionalità, il benessere e l’aspetto estetico delle proprie parti intime, con notevoli benefici a livello psicologico.

Ringiovanimento vaginale: boom di trattamenti

L’ultima frontiera della medicina estetica “al femminile” ha come protagonista la sfera dell’intimità. Un risolutivo trattamento vaginale permette di riappropriarsi della proprie parti intime e riconquistare in breve quel benessere sessuale tanto caro alla vita di coppia.

Arrivata dagli States, la tendenza è in crescita anche in Italia, dove la Re-Vagination, questo il nome del trattamento di rigenerazione vaginale, registra un incremento del 24%, con un trend in costante aumento. Basti pensare che nella fascia 40-60 anni riscontra l’interesse del 75% delle donne .

“L’intervento migliora la qualità dei tessuti e concede alle donne uno stato di benessere esteso anche alla vita sessuale nella terza età”, afferma lo specialista in chirurgia plastica Paolo Mezzana, responsabile dell’ambulatorio di dermatologia oncologica dell’USI-Marco Polo di Roma.

Il trattamento, infatti, è indicato per contrastare l’atrofia vaginale dovuta alla naturale perdita del collagene nel tessuto vaginale, a causa della menopausa, responsabile di dolore durante i rapporti sessuali e alterazioni del pH vaginale. “La stimolazione laser della mucosa endovaginale migliora l'atrofia cellulare inducendo il tessuto a richiamare acqua e a produrre nuovo collagene – prosegue il dott. Mezzana –. I miglioramenti riguardano anche l’incontinenza urinaria di tipo lieve, uno dei problemi più invalidanti socialmente.

Il merito del successo del trattamento va al laser messo a punto dalla società italiana Quanta System, dotato di un manipolo endovaginale a doppia lunghezza d'onda che permette di modulare l'invasività dell’intervento, diminuendo il trauma termico e aumentando l'efficacia sulla stimolazione della matrice cellulare. “Tutto ciò si traduce in un minore fastidio durante la procedura, un brevissimo tempo di recupero di tutte le funzionalità, e ad una presenza di effetti collaterali pressoché nulla. Solitamente il trattamento prevede da una a 4 sedute distanziate da 30 a 60 giorni e poi 1 o 2 sedute annuali per il mantenimento”, conclude lo specialista.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Il laser che riduce le macchie e le rughe
Il laser che riduce le macchie e le rughe

Emette radiazioni infrarosse che stimolano la produzione di collagene ed..

Nella lotta ai tumori arriva la realtà virtuale
Nella lotta ai tumori arriva la realtà virtuale

Un software di simulazione potrebbe prevedere le mutazioni delle cellule..

Laser e radiofrequenza per un collo più giovane
Laser e radiofrequenza per un collo più giovane
Video - Laser e radiofrequenza per un collo più giovane

Rosanna Lambertucci intervista Maurizio Valeriani

Fermare il cancro con un’aspirina?
Fermare il cancro con un’aspirina?

Secondo una nuova ricerca, la sua azione antinfiammatoria arresterebbe la..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..