I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Ricerca oncologica: al via lo shopping solidale

La moda si impegna nella lotta contro il cancro con The Vintage Project: primo charity shop in Italia, promosso dalla Fondazione IEO.

Ricerca oncologica: al via lo shopping solidale

The Vintage Project, primo charity shop in Italia a favore della ricerca oncologica, promosso da Fondazione IEO in collaborazione con Vogue Italia e McArthurGlen, sabato 20 settembre apre il suo temporary store all’Outlet di Serravalle Scrivia, a soli 40 minuti da Milano.

Nato da un’idea di Franca Sozzani, Presidente di Fondazione IEO e direttrice di Vogue Italia, The Vintage Project promuove la cultura dello shopping solidale, offrendo a tutti gli appassionati di moda prodotti di grandi stilisti a prezzi accessibili. “Il mondo della moda e il mondo della ricerca contro il cancro non sono opposti ma paralleli: lo spirito di solidarietà della moda verso chi è più debole, per malattia o povertà, è forte e si esprime in varie forme. Il charity shop rappresenta una modalità nuova di raccolta fondi, molto diffusa all’estero ma ancora poco in Italia: sono certa che anche il nostro Paese saprà recepirla con entusiasmo”, dichiara Franca Sozzani.

The Vintage Project è infatti un’occasione unica per fare affari imperdibili, divertirsi a cercare il capo giusto per la nuova stagione e allo stesso tempo fare del bene, dando un contributo individuale alla grande sfida della lotta al cancro.

Per tre mesi sarà possibile trovare abiti e accessori, sia vintage che nuovi, donati alla Fondazione da icone dello stile come Naomi Campbell ed Eva Herzigova, e da prestigiosi marchi della moda:

Costume National, Fendi, Laura Biagiotti, Ermanno Scervino, Coccinelle, Sergio Rossi, solo per citarne alcuni. Il ricavato delle vendite sarà interamente destinato all’acquisto di una Risonanza Magnetica di ultima generazione che, grazie ad un innovativo sistema chiamato “Diffusion Whole Body”, è in grado di individuare le lesioni tumorali ad uno stadio precocissimo, quando hanno dimensioni di soli 2 millimetri, permettendo livelli di elevata precisione ed efficacia nella prevenzione dei tumori. “Questa risonanza magnetica è uno dei più avanzati strumenti diagnostici che la medicina ha oggi a disposizione. Scopre infezioni, infiammazioni, fratture, lesioni vascolari, fratture e tumori invisibili, restituendoci un’immagine del nostro corpo come non l’abbiamo mai visto”, spiega Massimo Bellomi, direttore della divisione di Radiologia dello IEO.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Fermare il cancro con un’aspirina?
Fermare il cancro con un’aspirina?

Secondo una nuova ricerca, la sua azione antinfiammatoria arresterebbe la..

Cancro al colon: meno carne per evitarlo
Cancro al colon: meno carne per evitarlo

Attività fisica e alimentazione controllata sono il mezzo migliore di..

8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro
8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro

Come tutti gli anni torna la campagna di Airc, per rendere il cancro una..

Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro
Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro

Intervista a Marisa Acocella Marchetto, l’illustratrice italoamericana..

“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno

Il 22 maggio si corre la mini-maratona di solidarietà con le donne che..