I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Zone erogene maschili: istruzioni per l'uso!

La geografia delle dei punti caldi maschili è più ricca di quanto spesso si pensi. Ma va percorsa nel modo giusto, per aprire le porte del piacere e della passione. Di entrambi

No pagePagina successiva
Zone erogene maschili: istruzioni per l'uso!

Non è tutto "lì": persino l'uomo in apparenza più primitivo ama coccole e attenzioni. Ma siamo sicure di conoscere la mappa del piacere maschile? “Le loro zone erogene sono moltissime e non si limitano ai genitali”, spiega a più Sani più Belli Marinella Cozzolino, psicoterapeuta e responsabile dell'Associazione italiana di Sessuologia clinica a Roma. “Il maggior organo sessuale è la pelle, attraverso la quale si ricevono le sensazioni piacevoli ed eccitanti che portano lui all'erezione. Sta a ogni donna scoprire quali parti del corpo del suo partner sono più sensibili”. Come trasformarci in “imperatrici del sesso”? “La tecnica non potrà mai competere con la passionalità e il desiderio”, continua la psicoterapeuta. “Però, non bisognerebbe mai smettere di esplorare all'interno della coppia perché la noia a letto è il peggior nemico del desiderio”. Ecco, allora, dalla testa ai piedi, i punti più erogeni per far scatenare la sua passione. E, naturalmente, la nostra. 

 

Torace e schiena
I capezzoli maschili sono ricchi di terminazioni nervose e, se stimolati manualmente o con la bocca, si ergono. Attenzione, però, non a tutti piace, anzi, alcuni uomini trovano questa sollecitazione fastidiosa così come essere toccati sotto le ascelle.
Istruzioni per l'uso...
Non resta che provare a baciare e leccare per vedere l'effetto che fa. Dall'ombelico fino all'attaccatura del pene sono gradite carezze e baci, a tutti. Gli piacerà anche sentirsi sfiorare con la bocca lungo la colonna vertebrale. Per essere davvero eccitanti, i movimenti delle labbra e della lingua devono essere accennati e leggeri. 

 

Testa
Anche a lui piacciono i baci, magari sfiorati, sul viso. In particolare, alcuni gradiscono sentirsi mordicchiare sul mento.
Istruzioni per l'uso...
Un preliminare erotico classico? Baciarlo in modo lieve sull'orecchio. Le più disinibite possono sussurrare (il soffio è molto eccitante) qualche parolina che esprima il proprio desiderio. Senza dubbio, però, la zona erogena che ospita maggiori recettori sensoriali è la lingua. Baci profondi e modulati possono eccitare parecchio. E poi usate anche le mani per accarezzargli la testa e il collo. A proposito di collo: alla base si trova un piccolo avvallamento che si chiama fossetta del giugulo, ritenuta una parte molto sensibile. Infine, un dolce massaggio sulla nuca, da fare con i polpastrelli dei pollici, ha il potere di rilassare e "svuotare" la mente. In fondo, è proprio la testa il centro dell'eccitazione. 

 

Mani
Non vanno trascurate, all'inizio per eccitare, più avanti per accendere la passione.
Istruzioni per l'uso... 
Un bacio sui polsi, portarsi le sue mani sul corpo. Ma anche baciarle con la lingua, dito per dito oppure succhiarne uno. Attraverso le mani lui tocca, in qualche modo "assaggia". 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Gli uomini pensano al sesso… ma soltanto ogni due ore
Gli uomini pensano al sesso… ma soltanto ogni due ore

Sfatato il mito dell’uomo che ci pensa ogni 7 secondi. Fra i pensieri..

L’amicizia tra un uomo e una donna esiste davvero?
L’amicizia tra un uomo e una donna esiste davvero?

Sono in molti a pensare che un rapporto “disinteressato” non sia..

Una su tre fa sesso al primo appuntamento
Una su tre fa sesso al primo appuntamento

Una ricerca americana rivela che un terzo delle utenti di agenzie di..

Sesso virtuale, contagi reali
Sesso virtuale, contagi reali

Gli adolescenti che usano Internet per intrecciare relazioni hard tendono..

Sesso dopo il parto
Sesso dopo il parto

Come cambia il rapporto di coppia con l’arrivo della cicogna?