I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Vivere insieme… da separati in casa

La convivenza da separati in casa. Può sembrare strano, ma è diffusa. Sono molte le coppie che pur vivendo nuove relazioni non si staccano dalla loro vecchia vita. Situazione di comodo o senso del dovere?

No pagePagina successiva
Vivere insieme… da separati in casa

Con la collaborazione della dott.ssa Laura Rivolta Psicologa e Psicoterapeuta, specializzata in Sessuologia Clinica e in Terapia Sistemica Relazionale

 

Alcune condizioni della vita matrimoniale, inutile negarlo, possono cambiare irreversibilmente. E nell’epoca delle separazioni e dei divorzi “facili”, è altrettanto comune che una coppia “scoppiata”, per amore dei figli o per comodità economica, decida di separarsi condividendo comunque lo stesso tetto. Una situazione che si complica ulteriormente quando entrano a far parte, di questo contorto meccanismo, nuovi partner.

Per questo motivo con la dott.ssa Laura Rivolta, psicologa e psicoterapeuta, analizziamo le motivazioni che spingono molte donne ad avventurarsi in una relazione con un uomo separato in casa, e quelle dei coniugi/genitori che, per amore dei figli, decidono di vivere sotto lo stesso tetto, nonostante la loro scelta di separazione.

 

La serenità dei figli è davvero un motivo valido per abitare sotto lo stesso tetto da separati, o questa è solo una scusa?

«Dipende; per alcune coppie, o per Lui o per Lei, i figli rappresentano una scusa, una sorta di alibi per evitare di fare delle scelte vissute con grande ambivalenza, ma i motivi possono essere molteplici: in alcuni casi non si è pienamente sicuri di fare il passo giusto, perché si teme il futuro; e in altri si vuole rimanere in una condizione di comodo. In altri casi però, se i figli sono o diventano problematici nei comportamenti, palesando evidenti disagi emotivi e psicologici, ciò può diventare un motivo per posticipare la scelta di separarsi concretamente; in questo caso il senso di colpa o di responsabilità è così elevato che, pur con sofferenza, si decide di rimanere in casa. È necessario ricordare che la separazione è un atto doloroso non solo per chi la subisce, ma anche per chi la vorrebbe o comunque la agisce».

 

Molti genitori nascondono ai propri figli il loro status di separati in casa. È giusto far vivere loro una routine domestica da “messa in scena”?

«La variabile importante è l’età dei figli; se sono molto piccoli è opportuno ritardare ogni spiegazione perché faticherebbero a comprenderla, e si attiverebbe un ansia molto forte, di abbandono. Se invece i figli sono più grandi, è necessario, al momento giusto e con parole adeguate, parlare con loro comunicando insieme la situazione. La messa in scena è sempre riconosciuta come tale; i figli possiedono una sorta di antenna molto sensibile nel captare ogni stato d’animo o condizione familiare. Svelato “l’inganno”, potrebbero sentirsi traditi e verrebbe meno la fiducia nei genitori e nella figura dell’adulto in genere. Meglio comunicare con serenità che i sentimenti tra le persone, nel tempo, possono cambiare, e ciò purtroppo è accaduto proprio a loro; che ci saranno sempre come genitori perché il bene per loro figli è tanto grande da superare ogni conflitto».

 

Chi decide di vivere questa condizione si rende conto della sofferenza dei figli?

«I figli, in queste situazioni familiari soffrono sempre, sia se obbligati a convivere ogni giorno in un clima di conflitto e ostilità dei genitori, sia nelle condizioni di “apparente” serenità. I genitori sono comunque consapevoli del disagio che recano ai figli, e si illudono se credono che i figli siano così “ingenui” da non accorgersene. Questa sofferenza, più o meno limitata nel tempo, si legge in ogni loro azione (pensierosità, aggressività nei comportamenti, ansie o regressioni con modalità diverse a seconda dell’età anagrafica del figlio) ».

PARLIAMO DI: coppia, relazione, separati, casa

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?
Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?

Una ricerca dell'Università del Minnesota rivela che le difficoltà di..

Il parto in casa: la nuova tendenza Usa
Il parto in casa: la nuova tendenza Usa

Aumentano le donne che preferiscono evitare l’ospedale. Ma i ginecologi..

L’idealizzazione del partner fa bene alla coppia?
L’idealizzazione del partner fa bene alla coppia?

Lo sostiene una ricerca americana, ma cosa succede quando l’incanto..

In campagna, la coppia non scoppia
In campagna, la coppia non scoppia

Fuori dalla città, i rapporti sentimentali sono più felici e durano..

Liti di coppia: le peggiori per motivi futili
Liti di coppia: le peggiori per motivi futili

Scenate furibonde per un nonnulla? Attenzione: possono portare alla rottura

Flirt da ombrellone. Quanto durerà?
Test - Flirt da ombrellone. Quanto durerà?

Le vacanze estive si sa, portano batticuori e serate romantiche… Tu..