I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

La dipendenza da internet colpisce soprattutto gli uomini

Sempre più donne lamentano la dipendenza del proprio partner dal web, ma quando bisogna preoccuparsi?

La dipendenza da internet colpisce soprattutto gli uomini

Sono gli uomini, il 63% dei giovani tra i 18 e i 23 anni, a passare più tempo sul web con una media di 10 ore settimanali. Uno su dieci usa internet per accedere ai siti pornografici mentre la partner è nella stanza accanto. Gli altri amano collegarsi per ricevere informazioni, notizie sportive, fare acquisti. Ma perché il web piace così tanto a lui e soprattutto come riuscire a sedurlo?

 

Come nasce il legame con internet

Alla base dell’eccessiva attrazione per il web ci possono essere poche amicizie, qualche problema lavorativo o difficoltà a sentirsi bene con se stessi. In genere la passione per internet comincia per gioco, poi però diventa seria mettendo in moto una sorta di dissociazione tra realtà e fantasia. Gradualmente si rimandano compiti domestici da svolgere e si sta sempre più collegati.
Si innesca la produzione di dopamina producendo una cascata di sensazioni diverse di piacere.
La sensazione piacevole spinge a ripetere l’esperienza e col tempo c’è un rischio reale di assuefazione. In alcuni casi si potrebbe innescare così uno stato dissociativo, quello che lamentano le mogli sui blog. Molte scrivono che il marito con loro è musone mentre quando si impegna in videogiochi e chatta sorride e diventa perfino simpatico.

 

I segnali che devono preoccupare

Dovrebbe preoccupare la mancanza di reali amicizie che non siano mediate dal web. Altri segnali: la presenza fisica in famiglia, ma senza una vera partecipazione emozionale e collaborativa; un’interazione sempre più ridotta nella vita relazionale; reazioni piuttosto aggressive nel momento in cui la partner cerca di sottrarre il suo lui al computer.

 

Soluzioni

Alcuni coach americani sostengono che la partner in questi casi dovrebbe esprimere con chiarezza cosa prova: mi sento abbandonata, sola, frustrata, minacciata dal pc. E ancora: percepisco che siamo sempre più in crisi, ho paura per la nostra unione e per la nostra famiglia. Ma altri counselor battono piste più concrete e propongono di recuperare il rapporto puntando su una seduzione più interessante capace di contrastare quella virtuale di internet.

di Annalisa Malinverni

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Dipendenza da sesso: una patologia non solo maschile

Non è ancora considerata ufficialmente un disturbo psichico, ma le..

Gioco d'azzardo, una dipendenza in crescita anche tra i minorenni

Il brivido del gambling on line contagia gli italiani di ogni età

Canta che ti passa

Intonare una canzone e persino fischiettarla aumenta la creatività e..

Per la malattia di Parkinson è importante una diagnosi precoce

In costante aumento, oggi fa la sua comparsa prima dei cinquant’anni

Sei una shopalcholic?

Saldi, svendite e outlet sono richiami a cui non sai resistere?..