I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

La felicità esiste!

Basta sapere dove cercarla. Per ognuno ha un gusto diverso: fai il test e scopri come trovarla

No pagePagina successiva
La felicità esiste!

Con la consulenza della dott.ssa dott.ssa Marinella Cozzolino, psicoterapeuta, sessuologa e presidente dell’AISC (Associazione Italiana Sessuologia Clinica)

 

Vogliamo provare a dare a tutti alcuni suggerimenti per trovare la propria personale chiave, in grado di aprire la porta della felicità. Perché la felicità non è uguale per tutti, anche se tutti la sognano. E la verità è che per ognuno ha un sapore diverso: c’è chi gioisce quando va in moto, chi quando è innamorato, chi quando cucina, chi quando fa l’amore. È possibile individuare una formula per essere felici? In questi tempi di incertezze e crisi, questa è forse una delle domande cui è più difficile dare risposta. Tra i tanti, ci hanno provato alcuni scienziati, filosofi ed economisti di fama durante i lavori dell’ultimo Festival delle Scienze, tenutosi a Roma qualche mese fa. In una ideale classifica il Nord Europa, con la Danimarca in testa, sembra avere gli abitanti più felici, male l’Italia! Siamo terz’ultimi. Tanti sono i fattori che determinano il nostro approccio alla vita: la gioia, infatti, è uno stato dell’anima, un prezioso dono di natura, un fatto biologico e persino una conseguenza dell’educazione e dell’amore che abbiamo ricevuto sin da piccoli. Insomma, non esiste la ricetta assoluta, ognuno è contento a modo suo.

 

Impara a gioire

Scopri come migliorare la tua capacità di essere felice, con qualche spunto di riflessione e alcuni piccoli suggerimenti.

 

Autostima

Si costruisce un passo alla volta, mattone su mattone. Non si può essere veramente felici se non si ha una buona stima di sé. L’autostima è una merce rara che non è possibile acquistare in nessun mercato. In gran parte è frutto del lavoro fatto dai genitori negli anni della primissima infanzia. Elemento cardine è la fiducia di base, cioè la somma della fiducia in sé stessi e della fiducia negli altri. Ha una buona stima di sé chi accetta se stesso, i suoi difetti, i suoi limiti, le sue paure, gli sbalzi d’umore, i capricci e le insoddisfazioni. Ha una buona stima di sé, chi si ama, si coccola, si protegge e si fa del bene senza per questo essere egoista o megalomane. Ha fiducia in sé stesso chi sa di essere artefice e regista della sua vita e ritiene di avere le capacità per migliorarla. Ma anche chi ha fiducia negli altri. Chi sa farsi da parte e collaborare senza necessariamente dirigere e che, per questo, non si sente svalutato. Chi sa che per crescere e migliorare sono necessari il confronto, lo scontro e la critica, bisogna saper ascoltare, riuscire ad affidarsi, poter riconoscere i pregi e le virtù altrui. Se dovessimo rispondere alla domanda: felici si nasce o si diventa? Diremmo sicuramente che felici si diventa. Partendo da sé. Lasciandoci alle spalle ferite sanguinanti e quella parte di noi che non si è sentita amata. Partendo da una lista anche minima di cose che ami di te. Inizia a valorizzarle, a puntare su quelle.

 

Lavoro

Nessun adulto può essere felice se ha dei sogni non accolti. La felicità è anche un sogno che si avvera. Gli adulti sognano poco e male, ma da bambini eravamo più o meno tutti un concentrato di sogni. La maggior parte delle persone cresce cercando di realizzare i suoi sogni. Volevi fare l’astronauta? La ballerina, il medico? Pensaci un attimo e cerca di ricordare cosa sognavi. Sognavi di essere lo chef di un piccolo ristorante sul mare e ti ritrovi chiuso in quattro mura a lavorare in banca? Così non puoi essere predisposto alla felicità, questa si chiama sopportazione ed è un tarlo tanto piccolo quanto pericoloso. La frustrazione dovuta all’insopportazione logora e consuma ogni giorno, divorando pian piano anche le parti sane della nostra vita, quelle che oseremo ritenere felici e appaganti. Non puoi sopportare ogni giorno, per sempre. La realizzazione di sé, delle proprie idee, dei propri sogni è fondamentale per il benessere psicofisico. Se proprio non puoi cambiare radicalmente la tua vita lavorativa, se è assolutamente necessario, visti anche i tempi, che tu mantenga il tuo lavoro, ritagliati uno spazio “di espressione personale”, non abbandonare completamente i tuoi sogni. Disegna, suona, balla, canta, taglia cuci, fai la maglia, corri sulla sabbia, guarda il mare al tramonto, dedicati insomma a tutto ciò che più ami appena puoi. Saranno istanti di felicità pura, forse ancora più apprezzati perché cercati e fortemente voluti.  

PARLIAMO DI: felicità, conoscersi

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Perché abbiamo paura della solitudine?
Perché abbiamo paura della solitudine?

Stare da soli con noi stessi è una preziosa risorsa, ed è importante..

Come tornare ad amare dopo una separazione?
Come tornare ad amare dopo una separazione?

Quando finisce una storia, si spegne il desiderio sessuale; poi il tempo..

La psicogenealogia, per liberarsi da scomode eredità
La psicogenealogia, per liberarsi da scomode eredità

Una terapia che aiuta a spezzare la catena di eventi infausti che si..

Come gestire la malinconia
Come gestire la malinconia

Un momento di tristezza indispensabile per l’equilibrio delle emozioni,..

Litigi alla scrivania
Litigi alla scrivania

Scortesie e rivalità tra colleghi compromettono la qualità delle..