I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come vivere al meglio la primavera

Dieci cose da evitare per allontanare ansie, preoccupazioni, apatia e pigrizia, e assicurarci invece una stagione ricca di energia, positività, ottimismo e benessere

Come vivere al meglio la primavera

A cura di Alessandro Cozzolino, Personal Life Coach 

Web: www.alcoach.it - Email: alessandro.co@me.com

"Dammi un po' del tuo tempo e io ti restituirò la tua vita"

 

Finalmente è arrivata! È la stagione più bella dell’anno per molti di noi perché - metaforicamente ma non solo - il sole splende più alto, più caldo e più a lungo e, come per magia, i bruchi diventano farfalle! E allora che cosa si può fare per vivere la primavera al meglio? Ognuno di noi in cuor suo sa bene ciò che è meglio e più giusto per sé ma può tornare utile ricordare cosa è meglio evitare per vivere una stagione ricca di energia, positività, ottimismo e benessere. 

Ecco le 10 cose che è meglio lasciare nella stagione invernale che si è appena conclusa:

 

1- Passività, apatia e pigrizia: il letargo è finito! Usciamo dalla nostra tana e iniziamo a vivere pienamente e veramente: non lasciamo che la vita ci scorra sotto al naso ma impegniamoci a fare ogni giorno qualcosa di nuovo che ci piace, ci stimola e ci appassiona!

2- Scuse e bugie: tendiamo a procrastinare attività e impegni altamente benefici per il nostro benessere psicofisico perché “non abbiamo tempo”, o perché “lo faremo domani”, o perché “inizieremo da lunedì”! La vita è adesso e non aspetta: basta con le scuse e le bugie che non ci hanno condotto né ci condurranno da nessuna parte!

3- Ansie e preoccupazioni spropositate: scegliendo di guardare il bicchiere mezzo pieno, scegliamo di adottare un atteggiamento positivo anziché distruttivo anche nelle situazioni meno piacevoli. Un po’ di dolore è necessario perché il bruco diventi farfalla ma vivere nella paura e nell’ansia costanti non fa che tarparci le ali.

4- Ricordi ossessivi: il passato è un bellissimo posto da visitare ma non in cui vivere. Lasciamo il passato nel passato, in modo da "viaggiare più leggeri" e senza trascinarci zavorre inutili e non più efficaci. Viviamo il presente perché è l'unica vera dimensione e certezza che abbiamo; e scegliamo di lasciarci sorprendere dal futuro guardando avanti, perché è lì che stiamo andando, e non indietro, perché lì siamo già stati!

5- Convinzioni limitate e limitanti: non sempre ciò che crediamo essere vero corrisponde a verità. Spesso siamo proprio noi, con i nostri pensieri e le nostre idee, a cadere in trappole che la nostra stessa mente ci tende. Impariamo a pensare positivo e a crederci: meglio essere ottimisti e avere torto che essere pessimisti e avere ragione!

6- Dialogo interiore negativo e distruttivo: avete presente quella vocina interiore che dice “devi fare questo”, “non devi fare quello”, “avresti dovuto…”, “sei troppo…”, “non sei abbastanza…”? Ecco, ignoratela! Non serve a nulla se non a far crollare l’autostima. Si vive molto meglio senza rumori fastidiosi. E quella vocina così negativa altro non è che un fastidioso rumore!

7- Orgoglio eccessivo: attenzione! Se è vero il punto 6, allora è vero anche il suo contrario! Nessuno di noi è dotato di superpoteri e nessuno di noi è un supereroe. Siamo tutti esseri umani, unici e irripetibili, imperfettamente perfetti, con qualità e limiti. E siamo tutti diversi. E “diverso” non significa né migliore né peggiore. 

8- Ignorare o sottovalutare la bellezza: la “grande bellezza” esiste davvero ed è in te e tutto intorno a te. Occorre solo non distogliere lo sguardo dalla meravigliosa essenza di cose, persone e situazioni, il più delle volte oscurata da una diffusa inclinazione a voler sminuire o vedere tutto nero. A che pro?

9- Paragoni: fa’ sempre in modo che gli altri siano uno stimolo e non un termine di paragone. Se passiamo la vita a paragonarci agli altri, scegliamo di vivere nell’insoddisfazione e nell’infelicità garantita perché sempre ci sarà qualcuno che è o ha “più” di noi. Ma poi, a conti fatti, che importanza ha? L’unico “paragone” che conta davvero - semmai - è che ciascuno diventi oggi il “se stesso” migliore rispetto a quello che era eri. 

10- Il giudizio degli altri: il pianeta Terra conta oltre 7 miliardi di abitanti. Se ci ostiamo a voler piacere a tutti per ricevere la loro approvazione e ammirazione, o se sentiamo di dover compiacere tutti per ricevere il loro plauso o il loro affetto, come al punto 9 siamo di nuovo destinati inevitabilmente alla frustrazione, alla delusione e alla sofferenza. C’è una sola persona a cui è davvero importante piacere e da cui è fondamentale ricevere l’approvazione, l’affetto e il plauso. E quella persona sei tu. 

 

Felice primavera!

di Alessandro Cozzolino Personal Life Coach

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Primavera stagione dell’amore? Macché è l’inizio del divertimento!
Primavera stagione dell’amore? Macché è l’inizio del divertimento!

La classifica delle Top 20 di iTunes segnala che, dopo marzo, l’indice..

La silvoterapia: le virtù terapeutiche degli alberi per ritrovare la carica
La silvoterapia: le virtù terapeutiche degli alberi per ritrovare la carica

Il contatto del corpo con alcune piante ci dona energia e benessere

Imparare a respirare per vivere meglio
Imparare a respirare per vivere meglio

Dallo zazen alla coccoloterapia: i metodi per rilassarsi e ricaricarsi

Centrifugati: vitamine e minerali a primavera
Centrifugati: vitamine e minerali a primavera

La migliore cura ricostituente, per grandi e piccini, per vincere..