I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come gestire la malinconia

Un momento di tristezza indispensabile per l’equilibrio delle emozioni, da assecondare e ascoltare

Come gestire la malinconia

La malinconia è una convalescenza dell’anima, un percorso di purificazione del cuore. Non ha niente in comune con la depressione, che rende apatici e chiusi. È un momento di tristezza indispensabile per l’equilibrio delle emozioni, che va gestito, assecondato e non contrastato. A pensarla così è Eugenio Borgna, lo psicanalista che da anni studia questo sentimento cui ha dedicato il libro “Malinconia” (edito da Feltrinelli). Ma vediamo nel dettaglio cos’è e come gestirla.

 

Filtro del malessere

A differenza della tristezza patologica che è mancanza di fiducia, incapacità di provare emozioni e di prendere iniziative, la malinconia è camera di decompressione delle delusioni e delle cose sgradevoli che sono successe.
Non è ansia di cose impossibili da raggiungere, bensì memoria, rielaborazione degli incontri che abbiamo fatto. Durante questo ripensamento lento e dolce, anche l’assetto mentale si riarmonizza.

 

Non cercare vie di fuga

Nei momenti malinconici, la tentazione è quella di cercare scappatoie. Ma atività come uscire, vedere amici e fare sport rischiano di peggiorare la situazione: l’allegria degli altri può sottolineare il nostro malessere, il nostro senso di disagio ed estraneità. Meglio invece fermarsi e ascoltare le emozioni, appunto assecondare la malinconia e chiedersi il perché di tanta nostalgia.

 

Come assecondare la malinconia

L’ideale è permettersi di vivere liberamente lo stato malinconico con attività piacevoli. Qualche esempio? Ascoltare melodie di musica leggera o classica che aiutano a percepire le passioni, lasciando in disparte la ragione. Secondo il professor Eugenio Borgna è opportuno vedere film spirituali, pacati e che parlano d’amore, sorgenti di liberazione da ansie e angosce. E infine il suggerimento è quello di passeggiare nei boschi, sulle rive di un lago: camminare lentamente lungo un sentiero aiuta a individuare con naturalezza una via d’uscita, un happy end emotivo. Anche leggere poesie e romanzi è una buona terapia per riaprirci con dolcezza alla realtà che ci spaventa, alla vitalità che la malinconia tende a sopire.

 

Con la consulenza di Eugenio Borgna, psichiatra a Novara

di Maria Angela Masino
PARLIAMO DI: malinconia, tristezza, emozioni,

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Nascono gli Emotivi anonimi, per imparare a gestire le emozioni
Nascono gli Emotivi anonimi, per imparare a gestire le emozioni

Coordinati da un esperto, insieme ad altri con le stesse difficoltà, si..

Perché le donne ricordano meglio le emozioni
Perché le donne ricordano meglio le emozioni

Un diverso meccanismo biologico condiziona i ricordi degli uomini..

La malinconia del tuo bambino potrebbe nascondere una futura depressione
La malinconia del tuo bambino potrebbe nascondere una futura depressione

Se la tristezza del tuo piccolo non è passeggera, è importante..

Punturine di botox? Sei a rischio di analfabetismo emotivo
Punturine di botox? Sei a rischio di analfabetismo emotivo

Secondo uno studio americano, chi ricorre al botulino avrebbe più..

Ti piacciono le feste di Natale?
Test - Ti piacciono le feste di Natale?

Si avvicinano le feste con il loro carico di emozioni, aspettative,..

Quanto sei passionale?
Test - Quanto sei passionale?

Le emozioni condizionano la tua vita oppure cerchi di tenerle a freno per..