I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Piadina romagnola

Questa famosa ricetta regionale stuzzica l’appetito e porta allegria!

Piadina romagnola

Tempo di preparazione 15 minuti # Tempo di cottura 15 minuti

 

Ingredienti per 6 piadine

  • 500 g di farina 0
  • 50 g di strutto di maiale
  • 250-280 ml di acqua tiepida
  • Sale

 

Preparazione

Su un piano di lavoro, facciamo una fontana con la farina. Mettiamo al centro lo strutto e il sale. Versiamo l’acqua tiepida e lavoriamo con cura, fino ad avere un impasto abbastanza morbido. Ma cerchiamo di fare in fretta: più breve è la lavorazione, più buono è il risultato!

Copriamo con la pellicola per alimenti (o con una ciotola rovesciata) e lasciamo riposare per mezz’ora, così che il glutine si rilassi e la piadina si stenda più facilmente.

Dividiamo l’impasto in sei palline della stessa grandezza, più una settima di dimensioni più ridotte, che utilizzeremo per “controllare” la temperatura del testo, il tipico utensile per cuocere le piadine che è consigliabile avere per realizzare al meglio la ricetta. In alternativa, possiamo sostituirlo con una più comune padella antiaderente.

Stendiamo la pasta sottile, dello spessore di circa 2-3 millimetri. È bene ricordare che in ogni zona della Romagna la piadina ha uno spessore diverso: nel nord, per esempio, è un po’ più alta che nel sud.

Stendiamo le palline per comporre le nostre piadine e ricordandoci di forarle, con una forchetta, in modo che non si gonfino durante la cottura.

Scaldiamo il testo (o la padella), in ghisa o terracotta, su fiamma media. Quando sarà caldo, mettiamo la nostra piadina di prova. Dovrà cuocere in un massimo di 2 minuti per lato e dovrà essere girata solo una volta. Aumentiamo o diminuiamo l’intensità della fiamma, a seconda dell’esito del nostro test.

Se in cottura dovessero formarsi delle bolle, foriamole. Mentre cuoce, ricordiamoci di ruotare la piadina. Una volta pronta, togliamola dal testo e mettiamola su un piatto. Procediamo allo stesso modo con le altre piadine. Farciamo a piacere.

 

Per la farcitura

L’accompagnamento tradizionale della piadina romagnola è costituito, oltre che da squacquerone, anche da prosciutto crudo, formaggi vari, salsiccia, verdure gratinate o erbette. Non mancano, poi, le versioni più azzardate. Per la versione dolce ci si può sbizzarrire con miele, marmellata o crema di nocciole al cioccolato.

 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Farine di frumento, sai scegliere quella giusta?
Farine di frumento, sai scegliere quella giusta?

Sono classificate secondo la forza e il grado di finezza, ognuna con un..