I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Per il diabete, giovani italiani e catalani riuniti a Roma

Per il diabete, giovani italiani e catalani riuniti a Roma

Da oggi, giovedì 17 Aprile, e per tutta la settimana di Pasqua, fino al 23 aprile, presso l’Hotel Villa Pamphili di Roma, 30 giovani con diabete di età compresa tra i 18 e i 25 anni (15 Italiani e 15 Catalani) avranno la possibilità di condividere le loro esperienze attraverso il dialogo, lo scambio e la formazione verso l’accettazione psicologica della malattia. Il progetto, denominato “Gioventù in Azione - Health in All Campus”, nato per volontà della Federazione Nazionale Diabete Giovanile e della Associaciò de Diabètics de Catalunya, è sostenuto dall’Unione Europea. I ragazzi di ciascun gruppo saranno accompagnati da uno staff che comprende due tutor, un animatore, un medico e un infermiere. Nel corso dell’incontro i partecipanti saranno chiamati a condividere situazioni di difficoltà ed indicheranno metodi e risorse frutto della loro esperienza per migliorare il mondo della scuola, del lavoro, della sanità e del tempo libero.

“Il dialogo tra ragazzi con lo stesso disagio, ma provenienti da culture diverse –sottolinea Antonio Cabras, Presidente della Federazione Nazionale Diabete Giovanile - è per noi un elemento di fondamentale importanza non soltanto per consentire una gestione autonoma del disagio, mantenendo una normale qualità di vita, ma anche per fare sì che questi giovani diventino essi stessi lo strumento per diffondere presso le loro famiglie e la società esterna un’adeguata cultura di quello che rappresenta oggi il diabete giovanile in Europa”.

In quest’ottica, durante il campo, i ragazzi oltre a svolgere attività fisiche ed educative, dovranno anche sviluppare progetti di comunicazione con l’obiettivo di  abbattere i problemi quotidiani legati alla loro patologia, spesso frutto di equivoci e pregiudizi.

“L’obiettivo finale – prosegue Cabras - è quello di aiutare i giovani ad uscire da un isolamento psicologico che spesso li accompagna nei confronti dei loro coetanei non affetti da diabete. Siamo certi che inserire questa patologia in un contesto più ampio, attraverso lo scambio e il confronto con altri Paesi europei, possa essere di grande aiuto per i nostri ragazzi”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Il diabete colpisce 5 italiani su 100
Il diabete colpisce 5 italiani su 100

Secondo il Congresso Nazionale dell’Associazione Medici Diabetologi, la..

La chirurgia bariatrica per la cura del diabete nei pazienti obesi
La chirurgia bariatrica per la cura del diabete nei pazienti obesi

Bypass gastrico e diversione bilio-pancreatica sono le due soluzioni..

Malattie rare: un successo l'esperienza in mare per i giovani pazienti
Malattie rare: un successo l'esperienza in mare per i giovani pazienti

I ragazzi che ne soffrono hanno trascorso qualche giorno sulla Nave..

“Tolleranza zero” per il consumo di alcol tra i giovani
“Tolleranza zero” per il consumo di alcol tra i giovani

Uno studio conferma che per tenere lontani i ragazzi dagli alcolici, è..

Diabete: agire subito, senza perdere tempo
Diabete: agire subito, senza perdere tempo

Il nuovo orientamento è di intervenire immediatamente quando i valori..

Flirt da ombrellone. Quanto durerà?
Test - Flirt da ombrellone. Quanto durerà?

Le vacanze estive si sa, portano batticuori e serate romantiche… Tu..