I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Pelle: attenzione ai cambiamenti climatici

Pelle: attenzione ai cambiamenti climatici

Con la fine dell’inverno e l’arrivo dei primi tepori primaverili si incominciano a scoprire i primi centimetri di pelle che, rimasti nascosti da spessi strati di vestiti durante la lunga stagione invernale, risultano ora più sensibili. La professoressa Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia e venereologia presso l’Università di Napoli “Federico II”, avverte: “I primi giorni di primavera si accompagnano a improvvisi sbalzi di temperatura, notevoli escursioni termiche che mettono a dura prova l’idratazione cutanea, danneggiando soprattutto i soggetti già affetti da couperose, aumentandone l’iperattività vasomotoria”.

 

Chi non soffre di questa patologia può allora restare tranquillo?

“Niente affatto - precisa la dermatologa - il cambio del clima è per tutti dannoso, perché la pelle rallenta fisiologicamente i cicli vitali, si rinnova più lentamente e appare più secca”.

 

E con l’arrivo dell’estate?

“La stagione estiva può risultare benefica per certe malattie dell’epidermide, quali ad esempio l’acne: i raggi ultravioletti hanno, infatti, un’azione disinfettante e la pelle abbronzata nasconde sicuramente meglio questo inestetismo”, dichiara la Fabbrocini. È meglio però non abbassare mai la guardia, il pericolo è sempre in agguato: l’uso improprio di solari e l’ispessimento della pelle dovuto ai raggi UV possono addirittura indurre a un peggioramento del quadro clinico al ritorno dalle vacanze. “Senza trascurare che il periodo estivo è particolarmente rischioso per le persone con pelle delicata e sensibile, maggiormente soggetta a ustioni e scottature. È bene, inoltre, prestare sempre attenzione anche ai raggi indiretti del sole, che possono penetrare attraverso il vetro, le nuvole, l’acqua e i vestiti”, conclude la docente.

Non va sottovalutata neanche la pericolosità di agenti atmosferici, come il vento e la pioggia, che non sono legati a una stagionalità precisa ma costituiscono un pericolo per l’epidermide durante tutto l’arco dell’anno. “Le variazioni della potenza dei raggi solari, l’aumento della temperatura e la variazione della frequenza delle precipitazioni possono portare a cambiamenti nella distribuzione geografica di alcune malattie infettive, aumentando così la loro diffusione a livello mondiale”.

 

Come difendersi?

“Gli accorgimenti da seguire per vivere con serenità i cambiamenti climatici e stagionali sono semplici. Da un lato utilizzare un’adeguata fotoprotezione durante i periodi estivi, dall’altro proteggersi dal freddo, non solo con appositi indumenti ma anche con creme-barriera, prodotti idratanti e nutrienti. Inoltre, rivolgendosi sempre allo specialista per affrontare al meglio le malattie cutanee”, conclude la specialista.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
I disturbi della stagione estiva
I disturbi della stagione estiva

Gambe pesanti, giramenti di testa, cistiti, raffreddori e molti altri ci..

Hai l’acne? Attenta al sole
Hai l’acne? Attenta al sole

In caso di brufoli & Co. bisogna esporsi con cautela e adottando..

Bambini al sole: evitiamo il pericolo scottature
Bambini al sole: evitiamo il pericolo scottature

La pelle delicata dei piccoli va protetta, non solo con creme ad alta..

L’acne, un problema non solo giovanile
L’acne, un problema non solo giovanile

Lo stress, i cicli ormonali, il fumo e l’assunzione di determinati..

La castità in cambio di un corpo snello?
La castità in cambio di un corpo snello?

La metà delle donne sacrificherebbe il sesso, se servisse a dimagrire