I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Patenti di guida: nuovi test per chi soffre di apnee notturne

Firmato il decreto del ministero della Salute con gli indirizzi medico-legali per il rilascio e rinnovo della patente di guida a soggetti affetti da apnee notturne.

Patenti di guida: nuovi test per chi soffre di apnee notturne

Prendere o rinnovare la patente di guida potrebbe presto richiedere degli esami in più a chi a problemi di sonnolenza e soffre di colpi di sonno. È stato infatti appena firmato, ma non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il decreto ministeriale Salute che determina gli indirizzi medico-legali da osservare per accertare l'idoneità alla guida dei soggetti affetti, o supposti come tale, da sospetta Sindrome di apnee ostruttive nel sonno (Osas).

Questo l’iter previsto per valutare se gli aspiranti automobilisti costituiscano un rischio per la circolazione stradale: prima il colloquio medico, poi un questionario ed infine un test su stimoli visivi, associato ad un altro questionario.

Il colloquio iniziale servirà a determinare le prime condizioni di rischio: russamento, obesità, ipertensione arteriosa farmaco-resistente, diabete, cardiopatia, eventi ischemici cerebrali e broncopneumopatie.
 In base al risultato, se sarà necessario un ulteriore approfondimento si procederà con un questionario sulla sonnolenza diurna. Da questo si individueranno i profili di 'basso rischio’, 'medio rischio’ o 'elevato rischio’ (con eccessiva sonnolenza diurna) per la circolazione stradale.

Per la valutazione della riduzione del livello di vigilanza si passa poi al test dei tempi di reazione, in cui l'esaminato deve rispondere premendo un pulsante a una sequenza rapida di stimoli luminosi di differenti colori. 
Per i soggetti con rischio medio-basso di sonnolenza diurna, la validità della patente è limitata a 3 anni per le patenti di Gruppo 1 (A, B, B +E) e di un anno per quelle di gruppo 2 (C, C+E, D, D+E). Nel caso invece di rischio elevato, chi è affetto da Osas moderata o grave potrà guidare con validità della patente non superiore a tre anni per il gruppo 1 e ad un anno per il gruppo 2.

“L’OSAS – ha dichiarato il Dott. Sergio Garbarino, neurologo, che ha partecipato alla redazione della direttiva -. rappresenta una patologia largamente diffusa e sottostimata nella popolazione generale, le cui dimensioni possono essere paragonate al diabete. Il decreto è un passaggio di alto senso civico per migliorare la sicurezza sulle strade e la salute dei cittadini”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Mal di schiena e sicurezza dei bimbi, i problemi degli automobilisti
Mal di schiena e sicurezza dei bimbi, i problemi degli automobilisti

Piccoli passeggeri da sistemare sui seggiolini, gambe rannicchiate,..

Test genetici per contrastare l’invecchiamento cellulare
Test genetici per contrastare l’invecchiamento cellulare

Nuovi test cellulari ed ematici per Individuare i “punti deboli”..

I test di paternità ora si fanno a casa
I test di paternità ora si fanno a casa

Anche in Italia un vero e proprio boom della genetica casalinga

Nucleare e salute: niente rischi per l’Italia
Nucleare e salute: niente rischi per l’Italia

Rafforzati i controlli sui prodotti di origine animale e non, in arrivo..

Il tuo intestino è un po’ pigro?
Test - Il tuo intestino è un po’ pigro?

Non ne parli per imbarazzo, ma anche perché non sai da che parte..

Sei combattiva o fatalista?
Test - Sei combattiva o fatalista?

Sei convinta di poter esercitare un controllo sugli eventi e di poter..

Di che insonnia soffri?
Test - Di che insonnia soffri?

L’insonnia è un disturbo assai diffuso: riguarda 12 milioni di..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..