I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Paralisi cerebrali infantili: uno studio italiano conferma la validità della terapia con infusione del farmaco Baclofene

Paralisi cerebrali infantili: uno studio italiano conferma la validità della terapia con infusione del farmaco Baclofene

In Italia, in media, ogni anno 1000 bambini sviluppano Paralisi Cerebrale Infantile, una patologia causata da un danno irreversibile, ereditario o dovuto a lesione traumatica o a patologie concomitanti, al Sistema Nervoso Centrale (SNC). I sintomi più gravi della patologia sono rappresentati dalla distonia, la contrazione muscolare involontaria e prolungata e soprattutto dalla spasticità, intesa come alterazione incontrollata del tono muscolare, condizioni che rendono chi ne soffre bisognoso di cure costanti. I risultati di un recentissimo studio condotto dal dottor Francesco Motta, Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia Pediatrica, e realizzato su 430 pazienti del reparto di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica dell’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi di età compresa tra i 6 e i 19 anni, rappresentano il più ampio trial monocentrico mai realizzato sulla terapia con infusione del farmaco Baclofene, uno dei trattamenti della spasticità più efficaci ma ancora poco utilizzati nel paziente pediatrico. “L’obiettivo di questo trattamento è ridurre il dolore, le contratture e gli spasmi muscolari, e, di conseguenza, aumentare l’autonomia negli spostamenti, per una migliore qualità della vita del paziente e della sua famiglia.”, ha dichiarato il dottor Motta. La terapia a infusione programmata riesce a ridurre nettamente la spasticità muscolare e a migliorare i movimenti dei bambini. “Su 107 pazienti con complicanze, il 60,7%, presentava problemi d’infezione legati al catetere. – prosegue Motta – Tuttavia, nel corso dei 14 anni siamo riusciti ad abbassare drasticamente il rischio d’infezione, tanto che la percentuale è scesa quasi allo 0%.” Lo sudio è stato pubblicato sulla rivista internazionale Journal of Neurosurgery.

La paralisi cerebrale, definita come insieme di disturbi neurologici che colpiscono una o più aree del cervello, può verificarsi in fase pre, peri o post-natale. Prima che se ne completi la crescita e lo sviluppo presenta un insieme multifattoriale di cause. In particolare, quelle pre-natali o peri natali, come nascita prematura (specialmente prima della 32° settimana di gestazione), distacco della placenta, gravidanze multiple, ipossia, insufficienza polmonare, interessano il 50-60% dei pazienti. Le cause post-natali il 5% e quelle ancora sconosciute il 35%. Il 40% dei bambini affetti da paralisi cerebrali sviluppa spasticità severa: sono quindi circa 400 i bambini potenzialmente candidati alla terapia ITB ogni anno. “La diagnosi di paralisi cerebrale infantile coinvolge interamente la famiglia del piccolo paziente, che, inizialmente, non è preparata a una situazione così complessa. – prosegue Motta – Oltre alla spasticità, infatti, questi bambini possono presentare disabilità motoria, disturbi del cammino e della coordinazione del movimento e disturbi cognitivi, come difficoltà di linguaggio. La prima terapia è la riabilitazione, che inizia già nei primi mesi di vita, con la funzione di mantenere la mobilità articolare e di migliorare la funzionalità, durante tutte le tappe della crescita. A questa si associa il trattamento farmacologico (terapia ITB) che, nonostante sia ormai noto a livello scientifico, in Italia può essere erogato solo in pochi ospedali”, conclude lo specialista.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno

Il 22 maggio si corre la mini-maratona di solidarietà con le donne che..

Porpora Trombocitopenica Idiopatica: disponibile un nuovo farmaco
Porpora Trombocitopenica Idiopatica: disponibile un nuovo farmaco

Eltrombopag stimola la produzione di piastrine nei malati di ITP, una..

Bambini al sole: come proteggerli
Bambini al sole: come proteggerli

Alcuni semplici ma fondamentali accorgimenti per preservare i bimbi da..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Un nuovo farmaco per curare l’aritmia cardiaca
Un nuovo farmaco per curare l’aritmia cardiaca

Un principio attivo che controlla e stabilizza il ritmo del cuore

Sei combattiva o fatalista?
Test - Sei combattiva o fatalista?

Sei convinta di poter esercitare un controllo sugli eventi e di poter..