I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Paradosso Italia: scorretti stili vita ma più longevi

Paradosso Italia: scorretti stili vita ma più longevi

Sempre più grassi e pigri, e con maggiori difficoltà per curarsi. Ma per il momento la longevità degli italiani non sembra risentirne, visto che dal 2007 al 2011 i maschi hanno guadagnato 0,7 anni in più di speranza di vita e le femmine 0,5 anni, anche se rimangono forti differenze soprattutto tra Nord e Sud. Il paradosso italiano emerge dal decimo Rapporto Osservasalute 2012, presentato all'Università Cattolica di Roma. Al 2011, stando ai dati provvisori, la speranza di vita alla nascita e pari a 84,5 anni per le donne e a 79,4 anni per gli uomini. Ma con differenze anche di qualche anno tra Nord e Sud, visto che in Alto Adige i maschi possono sperare di vivere 80,5 anni mentre in Campania solo 77,7 anni, (maglia nera anche per le donne, con 83 anni contro gli 85,8 sempre della Pa di Bolzano). Comportamenti dannosi come sedentarietà (soprattutto tra le donne) e consumo smodato di alcolici (in aumento soprattutto tra giovani e giovanissimi) permangono ma, secondo il rapporto, coordinato da Walter Ricciardi, direttore dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, continua la diminuzione del rischio di morte per malattie circolatorie, tumori, apparato digerente e respiratorio e cala anche la mortalità evitabile, ovvero i decessi imputabili a errori o inapproprietezze delle cure prestate dal Ssn. Aumentano, però, anche grazie alla crescita dell'aspettativa di vita, le fasce di popolazione a rischio, a causa del noto processo d'invecchiamento che dal 2002 al 2011 ha fatto registrare un aumento del 4,7% degli anziani tra 65-74 anni e del 28,7% per gli over 75.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento