I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

L’obesità infantile si combatte dormendo

L’obesità infantile si combatte dormendo

Un buon riposo notturno, oltre ad avere effetti benefici sull’intero organismo, può aiutare il bambino in età scolare a tenere sotto controllo il proprio peso corporeo.

Il sonno si rivela un ottimo alleato nella lotta contro l’obesità infantile perché riduce il senso di fame limitando il consumo di calorie durante il giorno. Infatti, dopo una dormita ristoratrice, al momento del risveglio, nell’organismo si registrano ridotte quantità di leptina, un ormone che controlla il senso di sazietà i cui livelli ematici sono direttamente proporzionali alla quantità di tessuto adiposo presente nel corpo. È quanto emerge da uno studio condotto negli Stati Uniti dal Center for Obesity Research and Edication dell Temple University e pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Pediatrics. I ricercatori hanno studiato per tre settimane il comportamento di 37 bambini, di età compresa tra 8 e 11 anni, dei quali il 27 percento in sovrappeso. Dopo la prima settimana, ad alcuni bambini è stato chiesto di alzarsi un’ora e mezza più tardi rispetto alle loro abitudini, mentre gli altri sono stati invitati a dormire un’ora in mezza di meno. Alla terza settimana ai due gruppi è stato chiesto di invertire il comportamento, ossia chi aveva dormito meno ore nell’ultima settimana doveva aumentare le ore di sonno e viceversa. Dai dati raccolti è emerso che i bambini con più ore di sonno consumavano 134 calorie in meno al giorno e pesavano 220 grammi in meno, presentando livelli ematici di leptina in quantità inferiori rispetto agli altri bimbi. Alla luce di questi dati, il coordinatore Chantelle Hart tiene a sottolineare quanto sia importante promuovere ed incentivare il riposo notturno dei bambini in età scolare come metodo di prevenzione nel trattamento dell’obesità infantile. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento