I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Mamme e figli. Rimedi contro l’ansia da interrogazione

Un manuale pratico, pieno di indicazioni, trucchi e suggerimenti per genitori e figli perplessi nello scegliere una scuola

Mamme e figli. Rimedi contro l’ansia da interrogazione

La scuola, si sa, è una condanna biblica. Corre voce sia stato l’Onnipotente, leggermente irritato con Adamo ed Eva per una questione di mele, a infilare nel decreto di espulsione dall’Eden una clausola che sanciva l’obbligo al lavoro. Fatto è che da quando il mondo è tale, la scuola rappresenta per un giovane l’equivalente del lavoro per gli adulti. Il punto è però che stare seduti tra i banchi di scuola e studiare non piace proprio a tutti i bambini e ai ragazzi. Che fare? Un’insegnante e uno psicoterapeuta di successo, hanno deciso di spiegare come prendere la scuola per le corna. Come? Con un manuale pratico, pieno di indicazioni, trucchi e suggerimenti per genitori e figli perplessi nello scegliere una scuola, su come comportarsi in aula, come gestire le relazioni con gli insegnanti, e poi come studiare, affrontare interrogazioni e verifiche, risollevarsi dalle cadute, superare l’ansia da prestazione e soprattutto non farsi bocciare, scommettendo sulla cultura e sull’organo oggi più trascurato: il cervello.

Ansia da prestazione
"L’ansia da prestazione colpisce tutti, anche gli uomini più duri. Ansia è l’altro nome di adrenalina. Chi non ha paura non è sano di mente, e di solito non vive a lungo. Chi ha paura, sappia che essa è necessaria: lubrifica le rotelle della mente, fornisce zucchero al cervello mobilitandolo dai depositi del fegato, e contribuisce a tenere in azione gli sciacquoni dei bagni della scuola (se volete fare colpo su qualcuno, effettuate un esperimento di divinazione «intuendo» che la tale classe sta per subire una pericolosa interrogazione, semplicemente osservando la frequenza di accessi al bagno da parte degli studenti; all’università non si può sbagliare)", raccontano con un velo di ironia Matteo Rampin e Farida Monduzzi, coautori del libro "Come non farsi bocciare a scuola" (Salani Editore, pag. 166, euro 12,00). Ma come affrontare la paura?  Il consiglio degli autori è uno: "provate a mettervi in una stanza tranquilla, a casa vostra, di pomeriggio, e a dedicare mezzora a meditare su tutto ciò che vi spaventa. Concentratevi su questo pensiero. Immaginate di essere nella situazione che temete, e che vi succeda proprio tutto il peggio di quello che vi spaventa: tutti vi deridono, tremate, siete impacciati, o quello che volete. Sforzatevi di vivere questa fantasia con vividezza, di calarvi in questa realtà. Fatelo ogni giorno per due settimane. Presto scoprirete che non è per niente facile star male a comando. Inoltre, scoprirete che, per ragioni misteriose, le cose che vi spaventavano così tanto, anche al di fuori di queste mezzore di meditazione, ora vi spaventano meno, e forse non vi spaventano più. Questo vi permetterà di affrontare gli eventi temuti con minore ansia. Affrontandoli, a volte avrete successo, a volte no: ed è questa, la cosa che succede a tutti nella vita. Peggio sarebbe evitare di vivere per paura che succedano cose sgradevoli. L’unico rischio della vita è non correre rischi (sensati, naturalmente). Naturalmente, se in aggiunta a questo riusciste anche a studiare un po’, la cosa non guasterebbe".

 

di Roberta Maresci

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
La scuola del profumo
La scuola del profumo

Per saperne di più sul mondo delle fragranze si possono seguire corsi..