I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Procreazione assistita: la selezione genetica degli embrioni è vietata

Il sottosegretario Roccella interviene sul ricorso della coppia italiana alla Corte europea per poter ricorrere alla fecondazione in vitro

Procreazione assistita: la selezione genetica degli embrioni è vietata

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - ''No alla selezione genetica degli embrioni''. Lo afferma il sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella, in merito al ricorso presentato contro la legge 40 sulla procreazione assistita da una coppia italiana affetta da fibrosi cistica e che vorrebbe poter utilizzare la fecondazione in vitro per effettuare uno screening embrionale. La selezione genetica degli embrioni, precisa Roccella, ''è espressamente vietata dalla legge stessa''. Nel ricorso, spiega il sottosegretario, ''si fa riferimento alle linee guida della legge 40 che prevedono un'eccezione, con la possibilità di ricorrere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita (pma), per le coppie in cui il partner maschile sia malato di Aids. Ma tale eccezione - afferma - non inficia gli altri punti della legge''. Nel caso delle coppie in cui l'uomo sia malato di Aids, infatti, rileva Roccella, ''si ricorre al lavaggio dei gameti e non è dunque in questione, in alcun modo, l'embrione, poiché non si ricorre a uno screening dell'embrione stesso''. In altri termini, chiarisce, ''l'eccezione fatta per le coppie con Aids non va a 'toccare' la salute dell'embrione, dal momento che si prevede solo una 'manipolazione' sui gameti maschili''. Nel caso della coppia ricorrente invece, afferma Roccella, ''si chiede appunto una diagnosi pre-impianto sull'embrione''. Questo significa, prosegue, ''che sarebbe necessario produrre molti embrioni per poterli esaminare e poi poter impiantare solo quelli 'sani', accantonando tutti gli altri. Si tratta cioè di una pratica che si fonda sulla selezione e sull'accantonamento degli embrioni non ritenuti idonei''. Quindi, conclude il sottosegretario, ''quello di questa coppia è un caso diverso dall'altro portato ad esempio nel ricorso stesso, ovvero le coppie malate di Aids, poiché in quest'ultimo caso non si prevede un intervento o una selezione sugli embrioni''. (ANSA)

Vedi anche news: "Procreazione assistita: accolto il ricorso di una coppia italiana contro la legge 40" e "Procreazione assistita: la Corte europea ha solo accettato di valutare il ricorso della coppia italiana"

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento