I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Primogeniti pretermine in aumento

Tutti i dati sui neonati sono disponibili on line elaborati da un’indagine su oltre 45 mila bimbi

Primogeniti pretermine in aumento

I maschietti sono più pesanti delle femmine (a 40 settimane i maschi primogeniti hanno un peso medio di 3467 grammi e le femmine di 3431 grammi), e i figli che nascono dopo pesano circa il 3 per cento in più dei fratelli maggiori. La situazione è omogenea, sia al Nord che al Sud. Ma aumentano i pretermine. Questo attualissimo quadro sui bambini italiani nasce dallo studio di Mario De Curtis dall’Università della Sapienza, Enrico Bertino dell’Università di Torino, esperti di altre Università (Novara e Milano) e 34 Centri neonatali italiani.

 

L’indagine, finanziata anche dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), è stata eseguita su 45.462 neonati, classificati per sesso, peso, lunghezza e circonferenza cranica, dalle 23 settimane di età gestazionale in poi. I dati ottenuti sono stati raccolti nelle carte INeS (Italian Neonatal Study), le prime, per la valutazione antropometrica neonatale, italiane ed europee, disponibili anche on-line (www.inescharts.com).   

 

“Queste nuove carte sono importanti – spiega MarioDe Curtis – perché permettono di identificare alcune categorie di neonati che possono essere a rischio di sviluppare particolari patologie. Per esempio, i neonati piccoli per l’età gestazionale – continua De Curtis - sono più a rischio di disturbi metabolici e quindi è necessario che i loro parametri biochimici nel periodo neonatale siano controllati più attentamente. Allo stesso modo, i neonati piccoli per l’età gestazionale rischiano più degli altri di sviluppare un ritardo di crescita a distanza”. Gli studiosi stanno anche elaborando carte antropometriche neonatali per i gemelli e per i piccoli nati da genitori non italiani. L’analisi di questi dati permetterà di valutare le differenze antropometriche rispetto alla popolazione italiana. 


di Monica Coviello

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
L’importanza dell’allattamento al seno

Fin dalle prime ore di vita, anche per i grandi prematuri è fondamentale..