I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Il parto in casa: la nuova tendenza Usa

Aumentano le donne che preferiscono evitare l’ospedale. Ma i ginecologi lo sconsigliano

Il parto in casa: la nuova tendenza Usa

Sta diventando una vera e propria tendenza, in America. In quattro anni, tra il 2004 e il 2008, il parto tra le mura domestiche ha visto un aumento del 20%. Insomma, un bambino su 150 nasce in casa. Lo conferma uno studio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention e pubblicato sulla rivista “Birth”.

Si tratta spesso di una scelta consapevole fatta da donne che soppesano bene i rischi, ma nel novero entrano anche donne con basso reddito e senza assicurazione sanitaria che non possono permettersi il costo di un parto assistito in ospedale.

In ogni caso, i ginecologi lo sconsigliano: secondo l’associazione dei ginecologi americani, l’Acog (American Congress of Obstetricians and Gynecologists), è meglio affidarsi a un ospedale, che è in grado di garantire che siano rispettate le norme di sicurezza. Il presidente dell’associazione, Richard N. Waldman, ricorda che “il parto a casa non va sempre bene, c’è il rischio che chi assiste la partoriente non sia abbastanza preparato, inoltre possono presentarsi condizioni mediche rischiose, come l’ipertensione, la presentazione podalica o pregressi cesarei”.

Eppure aumentano i parti assistiti da un’infermiera o un’ostetrica, e quasi si dimezzano quelli in cui è presente un medico. Così va negli Usa.

In Italia, il parto casalingo è ancora un evento piuttosto raro: ce ne sono circa 1000 o 1500 all’anno, anche se negli ultimi tempi c’è stata un’inversione di tendenza. Secondo i dati forniti da Elisabetta Malvagna, autrice del libro “Partorire senza paura” e del blog “Il parto in casa”, “chi sceglie questa opzione ha in genere tra i 30 e i 40 anni, una cultura medio-superiore, è pluripara, con una precedente esperienza ospedaliera non troppo felice. Il primato italiano spetta alle Province autonome di Trento e Bolzano, rispettivamente con lo 0,3 e lo 0,5% dei parti casalinghi”. 

di Monica Coviello

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Sense games, giochi d’amore da consolle

Nuovi software interattivi che accendono i sensi

In vacanza con il pancione

Lui è al sicuro, dentro di te. Basta un po’ di buon senso e puoi..

I problemi all’apparato uro-genitale durante i nove mesi

Per non rendere amara la “dolce attesa” non sottovalutare nemmeno i..